La struttura e la funzione dell'orecchio umano

L'orecchio è un organo importante nel corpo umano che fornisce udito, equilibrio e orientamento nello spazio. È sia un organo dell'udito che un analizzatore vestibolare. L'orecchio umano ha una struttura piuttosto complessa. Può essere diviso in tre sezioni principali: esterna, centrale e interna. Tale divisione è associata alle peculiarità del funzionamento e del danno di ciascuna di esse in varie malattie.

Orecchio esterno

Questa sezione dell'analizzatore uditivo è costituita dal canale uditivo esterno e dal padiglione auricolare. Quest'ultimo si trova tra l'articolazione temporo-mandibolare e il processo mastoideo. Si basa sul tessuto cartilagineo elastico, che ha un rilievo complesso, ricoperto di pericondrio e pelle su entrambi i lati. Solo una divisione del padiglione auricolare (lobo) è rappresentata dal tessuto adiposo ed è priva di cartilagine. La dimensione dell'orecchio può variare leggermente da persone diverse. Tuttavia, normalmente, la sua altezza dovrebbe corrispondere alla lunghezza della parte posteriore del naso. Deviazioni da queste dimensioni possono essere considerate macro e microtia.

Il padiglione auricolare, formando una costrizione sotto forma di un imbuto, passa gradualmente nel condotto uditivo. Ha l'aspetto di un tubo curvo di vari diametri lungo circa 25 mm, costituito da cartilagine e sezione ossea. Sulla parte superiore, il meato uditivo esterno confina con la fossa cranica media, sul fondo - sulla ghiandola salivare, sul fronte - sull'articolazione temporo-mandibolare e sul retro - sulle cellule mastoidi. Termina all'ingresso della cavità dell'orecchio medio, timpano chiuso.

I dati su questo quartiere sono importanti per comprendere la diffusione del processo patologico nelle strutture vicine. Pertanto, durante l'infiammazione della parete anteriore del canale uditivo, un paziente può avvertire un forte dolore durante la masticazione a causa del coinvolgimento dell'articolazione temporomandibolare nel processo patologico. La parete posteriore di questo passaggio è affetta da mastoidite (infiammazione del processo mastoideo).

La pelle che ricopre le strutture dell'orecchio esterno non è uniforme. Nel profondo di esso è sottile e vulnerabile, e nelle sezioni esterne contiene un gran numero di capelli e ghiandole che producono il cerume.

Orecchio medio

L'orecchio medio è rappresentato da diverse formazioni che formano l'aria e che sono interconnesse: la cavità timpanica, la grotta del processo mastoideo e la tromba di Eustachio. Con quest'ultimo, l'orecchio medio comunica con la faringe e l'ambiente esterno. Ha la forma di un canale triangolare con una lunghezza di circa 35 mm, che si apre solo quando ingerito.

La cavità del tamburo è un piccolo spazio di forma irregolare, simile a un cubo. All'interno è ricoperto da una membrana mucosa, che è una continuazione della mucosa nasofaringea e ha un numero di pieghe e tasche. È qui che si trova la catena degli ossicini uditivi, costituita da un'incudine, un malleus e una staffa. Tra di loro, formano un giunto mobile con l'aiuto di articolazioni e legamenti.

La cavità timpanica ha sei pareti, ognuna delle quali svolge un ruolo importante nel funzionamento dell'orecchio medio.

  1. Il timpano, che separa l'orecchio medio dall'ambiente, è il suo muro esterno. Questa membrana è molto sottile, ma elastica e meno elastica struttura anatomica. È a forma di imbuto e si ritrae al centro e si compone di due parti (allungate e non sollecitate). Nella parte allungata ci sono due strati (epidermico e mucoso), e in quello libero viene aggiunto anche uno strato intermedio (fibroso). Il manico del martello, che ripete tutti i movimenti del timpano sotto l'influenza delle onde sonore, si intreccia in questo strato.
  2. La parete interna di questa cavità è allo stesso tempo la parete del labirinto dell'orecchio interno, su di essa c'è la finestra del vestibolo e la finestra della coclea.
  3. La parete superiore separa l'orecchio medio dalla cavità cranica, ha piccoli fori attraverso i quali i vasi sanguigni penetrano.
  4. Il fondo del timpano è delimitato dalla fossa giugulare con la cipolla della vena giugulare situata al suo interno.
  5. La sua parete posteriore comunica con la grotta e altre cellule del processo mastoideo.
  6. Sulla parete anteriore della cavità timpanica si trova la bocca del tubo uditivo e l'arteria carotide corre da essa verso l'esterno.

Il processo mastoideo in persone diverse ha una struttura diversa. Può avere molte cellule d'aria o essere costituito da tessuto spugnoso e può essere molto denso. Tuttavia, indipendentemente dal tipo di struttura, c'è sempre una grande cavità - una grotta, che comunica con l'orecchio medio.

Orecchio interno

L'orecchio interno è costituito da labirinti palmati e ossei e si trova nella piramide dell'osso temporale.

Il labirinto membranoso si trova all'interno dell'osso e ripete esattamente le sue curve. Tutti i suoi dipartimenti comunicano tra loro. Al suo interno si trova un liquido - endolinfa e tra il labirinto palmato e il labirinto osseo - perilymph. Questi fluidi differiscono nella composizione biochimica ed elettrolitica, tuttavia hanno una stretta relazione tra loro e partecipano alla formazione di potenziali elettrici.

Il labirinto comprende una soglia, una lumaca e canali semicircolari.

  1. La lumaca appartiene all'analizzatore dell'udito e ha l'aspetto di un canale arricciato che fa due giri e mezzo attorno al nucleo del tessuto osseo. Da lui all'interno del canale lascia il piatto, che divide la cavità della coclea in due corridoi a spirale: la scala a tamburo e la scala del vestibolo. In quest'ultimo, si forma un condotto cocleare, all'interno del quale vi è un apparato che percepisce il suono o un organo del Corti. È costituito da cellule ciliate (che sono recettori), oltre che da cellule di sostegno e alimentazione.
  2. Il vestibolo dell'osso è una piccola cavità, simile a una sfera in forma, il suo muro esterno è occupato dalla finestra del vestibolo, la parete anteriore è dalla finestra della coclea e ci sono dei fori sulla parete posteriore che conducono ai canali semicircolari. Nel vestibolo membranoso ci sono due sacchi con l'apparato otolitico incorporato in essi.
  3. I canali semicircolari sono tre tubi curvi situati in piani reciprocamente perpendicolari. E di conseguenza, hanno nomi - anteriore, posteriore e laterale. All'interno di ciascuna di esse ci sono le cellule sensoriali vestibolari.

Funzione dell'orecchio e fisiologia

Il corpo umano capta i suoni e determina la loro direzione usando il padiglione auricolare. La struttura del condotto uditivo aumenta la pressione dell'onda sonora sul timpano. Insieme ad esso, il sistema dell'orecchio medio, attraverso gli ossicini uditivi, assicura l'erogazione di vibrazioni sonore all'orecchio interno, dove vengono percepite dalle cellule recettoriali dell'organo di Corti e trasmesse attraverso le fibre nervose al sistema nervoso centrale.

I sacchi del vestibolo e dei canali semicircolari svolgono il ruolo di analizzatore vestibolare. Le cellule sensoriali localizzate in esse percepiscono varie accelerazioni. Sotto la loro influenza, varie reazioni vestibolari si verificano nel corpo (ridistribuzione del tono muscolare, nistagmo, aumento della pressione sanguigna, vertigini, nausea, vomito).

conclusione

In conclusione, vorrei sottolineare che la conoscenza della struttura e del funzionamento dell'orecchio è estremamente importante per i medici otorinolargolosi, nonché per terapisti e pediatri. Questo aiuta gli specialisti a diagnosticare correttamente, prescrivere trattamenti, condurre interventi chirurgici, nonché a prevedere il decorso della malattia e il possibile sviluppo di complicanze. Ma l'idea generale di ciò può essere utile a una persona normale che non ha una relazione diretta con la medicina.

Video didattico sul tema "Anatomia dell'orecchio umano":

Come funziona l'orecchio esterno nell'uomo: la struttura e la funzione anatomiche

L'orecchio esterno di una persona è un organo dell'udito che cattura suoni e li trasferisce ulteriormente a strutture più profonde. È con il suo aiuto che una persona cattura discorso, musica e altri segnali. L'orecchio esterno più di altri organi dell'udito è soggetto a malattie e lesioni e pertanto richiede cure speciali.

Struttura anatomica dell'orecchio esterno

La foto mostra una struttura dettagliata dell'orecchio esterno.

Se confrontiamo orecchio esterno, medio e interno, allora quello esterno ha una struttura più semplice. Ha solo due semplici sezioni strutturali: il padiglione auricolare e il condotto uditivo. Ma poiché il timpano separa l'orecchio esterno dall'orecchio medio, può anche essere attribuito all'orecchio esterno.

Il padiglione auricolare è la parte visibile dell'orecchio esterno. È permeato di tessuto cartilagineo, dal quale appare l'immagine.

Include diverse parti sporgenti:

Solo una parte non ha cartilagine e consiste di tessuto adiposo, coperto da uno strato di pelle - il lobo dell'orecchio.

L'orecchio esterno e il timpano collegano il condotto uditivo. Le pareti dell'orecchio esterno, che formano questo passaggio, sono costituite da tessuto cartilagineo ed elastico, che entra in profondità nel tessuto osseo. Di fronte al canale uditivo sono le ghiandole che producono la secrezione grassa e lo zolfo. Proteggono l'epitelio del passaggio dall'asciugatura e dall'inquinamento.

La membrana timpanica dal lato dell'orecchio esterno è formata da semplice tessuto epiteliale, e dal lato centrale - dall'epitelio mucoso. Tra i due strati vi sono spesse fibre di tessuto fibroso che proteggono la membrana da cadute di pressione e lacrime.

Caratteristiche della struttura dell'orecchio esterno nei bambini

L'anatomia dell'orecchio e del condotto uditivo nei neonati è diversa dalla struttura dell'orecchio esterno negli adulti.

Nei bambini appena nati, i tessuti cartilaginei sono molto elastici, i bordi del ricciolo sono scarsamente espressi, a volte possono essere quasi assenti, quindi il guscio è molto morbido.

La forma della conchiglia in un bambino è più rotonda, in alcuni bambini il lobo è piuttosto piccolo. La forma corretta dell'orecchio esterno è formata per l'età scolare.

Il canale uditivo è costituito da tessuti molli e le placche ossee delle pareti si formano più vicine ai 4 anni di età. Ha una forma curva, quindi protegge il timpano del bambino.

Anche la struttura del timpano è diversa: è più densa e presenta un angolo acuto rispetto al condotto uditivo.

Differenze nella struttura dell'orecchio esterno e medio: sono solo le caratteristiche dell'età. La struttura degli organi uditivi nei bambini cambia con l'età e si avvicina alla struttura dell'orecchio degli adulti di 5-6 anni.

Funzioni dell'orecchio esterno

La funzione principale dell'orecchio esterno è catturare le onde sonore. Raccoglie i segnali, attutisce i suoni troppo rumorosi e li invia più lontano - al timpano. Dall'orecchio esterno, attraverso la membrana e gli ossicini uditivi, il segnale viene trasmesso alla membrana della finestra ovale del vestibolo e ulteriormente nelle strutture del labirinto. Risulta che le funzioni dell'orecchio esterno e medio, così come l'interno sono strettamente correlate.

Gli esperti dell'antica medicina cinese credono che ci siano funzioni aggiuntive dell'orecchio esterno. Ci sono molti punti su di esso che possono essere massaggiati e trattati per le malattie degli organi interni.

Rifornimento di sangue e innervazione

Il padiglione auricolare riceve sangue arterioso dalle arterie temporali auricolari posteriori e superficiali. Il canale uditivo e la membrana timpanica forniscono sangue ai rami dell'arteria auricolare interna. L'uscita del sangue venoso si effettua nella vena auricolare mandibolare e posteriore.

I vasi attraverso cui scorre il fluido linfatico si estendono parzialmente ai linfonodi localizzati nel processo mastoideo e in parte nella parte superiore del collo. A causa dell'elevato numero di vasi linfatici, l'infezione dall'orecchio si diffonde rapidamente ad altri organi.

L'orecchio esterno si lega al sistema nervoso centrale da diversi plessi nervosi. I recettori dei nervi dell'orecchio facciale, orecchio-temporale e grande svolgono il ruolo più importante nell'innervazione dell'orecchio esterno e del timpano. Questo deve essere preso in considerazione durante l'anestesia prima dell'intervento chirurgico.

Nelle pareti del condotto uditivo ci sono molti plessi nervosi, la maggior parte dei quali sono paralleli ai vasi e sono associati alle ghiandole.

Patologia dello sviluppo dell'orecchio esterno

In alcuni bambini, subito dopo la nascita, si può notare che la struttura dell'orecchio esterno è rotta. Le anomalie dello sviluppo sono visibili non solo ai medici, ma anche ai genitori, che iniziano a temere che il difetto danneggi l'aspetto del bambino.

Alcune anomalie dell'orecchio esterno con l'età del bambino sono levigate e diventano meno evidenti, ma in alcuni casi, la chirurgia plastica viene eseguita in modo che il bambino non si senta ferito.

Cause di violazione della struttura dell'orecchio esterno:

  1. Fattori fisici: prolungata permanenza della madre durante la gravidanza ad alte temperature, che vivono in ambienti sfavorevoli, esposizione a radiazioni ionizzanti.
  2. L'uso della madre di droghe, bevande alcoliche e fumo durante il trasporto di un bambino.
  3. Ricezione di farmaci embriotossici da parte della madre. I farmaci più pericolosi: antibiotici, farmaci per la pressione, ormoni, prodotti contenenti litio e iodio.
  4. Infezioni intrauterine: citomegalovirus, rosolia, sifilide, toxoplasmosi, infezione da herpes.
  5. Patologie materne: diabete, disfunzione tiroidea, neoplasie ormone-attive, gravi disturbi metabolici.
  6. Predisposizione genetica - il rischio aumenta se ai parenti di sangue viene diagnosticata una patologia dello sviluppo auricolare.

Violazioni spesso trovate:

  1. Lop-eared - il padiglione auricolare è inclinato rispetto all'osso temporale.
  2. Orecchio Macaco: la parte superiore del guscio è piegata al centro e i riccioli sono levigati.
  3. Orecchio satira - la parte superiore dell'orecchio è allungata e ha una forma acuta.
  4. Deformazione del lobo - dimensioni troppo grandi o piccole, assenza completa o un lobo diviso.
  5. Fistole - il canale cavo dell'orecchio o dell'orecchio.
  6. Ipoplasia - completa o parziale assenza di strutture del padiglione auricolare. È diviso in diverse sottospecie:
  • ipoplasia dell'orecchio superiore (parte superiore piegata o incarnita, completa assenza del terzo superiore dell'orecchio);
  • ipoplasia della parte centrale della conchiglia;
  • ipoplasia completa (accompagnata o non accompagnata da atresia del condotto uditivo).

Le patologie di cui sopra non influiscono sulla qualità dell'udito, causano solo disagi estetici. Ma, con atresia o assenza del condotto uditivo, la percezione del suono è disturbata. L'atresia congenita può essere accompagnata da altri disturbi dell'anatomia dell'orecchio esterno, e nei casi più gravi si osservano anomalie dell'orecchio medio e interno.

Raramente si incontra l'assenza acquisita del canale uditivo, causata da lesioni o processi infiammatori cronici.

Infiammazione e malattie nell'orecchio esterno

L'orecchio esterno più spesso di altri reparti è esposto a lesioni, stress termici e meccanici e altri fattori che possono provocare infiammazioni.

La più comune malattia infettiva-infiammatoria è l'otite esterna, che si verifica sia negli adulti che nei bambini. E 'ben curabile, ma è in grado di andare in un corso cronico con frequenti esacerbazioni.

Otite media limitata - foruncolosi dell'orecchio esterno, in cui si formano ulcere e muoiono i tessuti coinvolti nel processo patologico.

L'otite diffusa parla quando un'infiammazione estesa copre il condotto uditivo, senza la formazione di bolle, ma con il rilascio di pus.

Erisipela dell'orecchio esterno provoca streptococchi emolitici del gruppo A. Spesso accompagna altre infezioni provocate da questo patogeno - scarlattina, infiammazione delle vie respiratorie, miocardite. Può verificarsi sullo sfondo di danni meccanici alla pelle del padiglione auricolare. Accompagnato da un forte processo infiammatorio, che con la progressione della malattia va agli organi vicino all'orecchio esterno.

La lesione fungina dell'orecchio esterno è anche preceduta da qualsiasi danno alla pelle - ferite, graffi, ferite, punture di insetti. Con una forte immunità, il fungo muore e non provoca infiammazione, ma nei pazienti immunocompromessi che assumono ormoni da lungo tempo, antibiotici o immunosoppressori, il rischio di sviluppare l'otomicosi aumenta più volte. L'infezione fungina dal padiglione auricolare si diffonde rapidamente al canale uditivo esterno e alle strutture più profonde.

L'eczema dell'orecchio esterno è una malattia cronica, spesso ricorrente, espressa dall'infiammazione degli strati superficiali della pelle del padiglione auricolare. Sulla pelle colpita compaiono piccole bolle piene di liquido sieroso, che scoppiano costantemente e si formano sulla superficie delle croste lacrimanti.

Pericondrite - infiammazione dell'orecchio esterno, che colpisce la cartilagine del padiglione auricolare. Il processo infiammatorio è limitato, che non coinvolge tessuti che non hanno cartilagine e il lobo dell'orecchio. Senza trattamento, la pericondrite causa necrosi tissutale e levigatura purulenta della cartilagine.

La causa del dolore nell'orecchio esterno nelle persone sane

Il dolore nell'area dell'orecchio esterno si verifica non solo nelle malattie dell'udito. Dolore lieve e dolore acuto possono verificarsi in persone completamente sane o in patologie di altri organi.

Cause del dolore in persone completamente sane:

  1. Il dolore alle orecchie può verificarsi dopo essere stato a forte vento oa basse temperature. La natura del dolore può essere diversa: costante, periodica, tirando, sparando. Ci vogliono alcuni giorni senza trattamento.
  2. Maggiore sensibilità alle cadute di pressione atmosferica. Il breve dolore si verifica dopo un'immersione acuta a grandi profondità o dopo un volo.
  3. Impatto acustico - sotto l'influenza di suoni troppo forti, temporaneamente appaiono sensazioni dolorose o scomode.
  4. L'acqua che entra nelle orecchie può causare un leggero dolore temporaneo o provocare un processo infiammatorio - otite.

La sindrome della malattia nell'orecchio esterno può causare malattie di altri organi e sistemi:

  1. Infiammazione dei seni - sinusite, sinusite e infiammazione delle gengive.
  2. Nevralgia - infiammazione del trigemino o del nervo facciale.
  3. La parotite è un processo infiammatorio delle ghiandole salivari.
  4. Tumori benigni della faringe, ghiandole parotidee.

Le lesioni del rachide cervicale e dell'osteocondrosi portano alla compressione dei recettori nervosi e all'interruzione dell'afflusso di sangue ai tessuti della testa. Per eliminare i mal d'orecchi, la malattia di base deve essere trattata.

Metodi diagnostici

L'anatomia dell'orecchio esterno consente di eseguire un'ispezione e di effettuare una diagnosi senza l'utilizzo di strumenti speciali.

In molte malattie, è sufficiente un esame visivo, ma se si sospetta che l'infiammazione sia passata all'orecchio medio o interno, sono necessari ulteriori strumenti diagnostici:

  1. Audiometria.
  2. Radiografia.
  3. Otoscopia.
  4. Manometria.
  5. RM, CT.
  6. Elettronistagmografia.
  7. Studio della pervietà del tubo uditivo.

Come ulteriore diagnosi, vengono prescritti esami di laboratorio: emocromo completo e scarico semina-orecchio. Nelle malattie croniche e spesso ricorrenti, è necessaria la consultazione con un immunologo e la donazione di sangue per un immunogramma.

Cause di otite

L'otite esterna si verifica se si sviluppa un processo infiammatorio nell'area del meato uditivo, innescato da batteri e funghi patogeni.

Ma l'infezione colpisce raramente i tessuti sani, pertanto, identificheranno i fattori che portano alla violazione dell'integrità della copertura del padiglione auricolare e dello sviluppo dell'otite:

  • igiene eccessiva - solo le parti visibili dell'orecchio esterno possono essere pulite dallo zolfo senza intaccare il condotto uditivo;
  • pettinare punture di insetti;
  • ustioni dell'orecchio esterno, esposizione a sostanze chimiche;
  • acqua o corpi estranei che entrano nell'orecchio;
  • malattie della pelle (eczema, psoriasi, dermatite).

L'orecchio esterno e quello medio sono strettamente correlati, quindi le infezioni della cavità timpanica possono provocare l'infiammazione del condotto uditivo. Spesso, il processo infiammatorio inizia con il rinofaringe, e quindi attraverso il tubo uditivo penetra nell'orecchio medio, e attraverso di esso verso l'esterno.

Il rischio di infiammazione dell'orecchio esterno aumenta con le malattie croniche associate a ridotta immunità e metabolismo.

Queste malattie includono:

Manifestazioni di otite esterna

L'otite di otite è acuta. I primi sintomi possono essere avvertiti come prurito e lieve distensione, ma la maggior parte dei pazienti non presta loro attenzione. Quindi, dopo alcune ore o giorni, compaiono forti dolori di tiro. Danno alla regione occipitale, mascella, tempia dal lato dell'orecchio del paziente.

Nelle otiti diffuse, i tessuti infiammati si gonfiano fortemente, le secrezioni essudative iniziano a ritirarsi, diventando gradualmente purulente. Nei casi più gravi, tutte le parti dell'orecchio esterno e i tessuti circostanti sono coinvolti nei processi.

Con otite limitata, il dolore è più forte rispetto alle lesioni diffuse. Il foruncolo fortemente aumentato può bloccare completamente il condotto uditivo esterno, causando una diminuzione dell'udito. Dopo l'apertura spontanea dell'ascesso, può verificarsi l'infezione dei peli circostanti che porta alla formazione di molti foruncoli.

Ulteriori sintomi di otite:

  • aumento della temperatura;
  • febbre, brividi;
  • mal di testa;
  • grave debolezza;
  • perdita dell'udito.

In media, i sintomi di otite infastidiscono il paziente per 1-2 settimane e il miglioramento avviene 3-4 giorni dopo l'inizio di una terapia adeguata. Ma, in assenza di terapia, l'otite media diventa cronica e le cicatrici appaiono sui tessuti costantemente infiammati.

Terapia di otite

L'otite limitata dell'orecchio esterno richiede un approccio speciale, poiché le masse purulente possono infettare non solo i tessuti circostanti, ma anche strutture più profonde - l'orecchio medio e quello interno. Il più grande pericolo sorge se il pus penetra nel tessuto cerebrale.

Mentre l'ascesso sta maturando, è necessario effettuare una riorganizzazione - pulire l'infiltrato con antisettici. La soluzione migliore è il nitrato d'argento. Dopo la riabilitazione, è necessario inserire un tampone imbevuto di un unguento antibatterico - Levomekol o pomata Vishnevsky nell'orecchio. Inoltre, il medico può prescrivere gocce antibatteriche - Tsipromed o Sofradeks.

L'ascesso maturato dovrebbe essere aperto dal medico, dopo di che il canale uditivo viene lavato con un antisettico e inserito un tampone imbevuto di un antibiotico.

Attenzione! È vietato utilizzare qualsiasi procedura di riscaldamento e aprire l'ascesso da soli.

Gli antibiotici sistemici sono prescritti per più bolle o il rischio di complicanze. Le droghe di scelta sono: Amoxiclav, Supraks, Augmentin, Azithromycin. Per alleviare il dolore e ridurre la temperatura prescritta Paracetamolo, Nurofen o Ibuklin.

Terapia delle malattie otite

L'infiammazione diffusa dell'orecchio esterno richiede anche l'uso di gocce antibatteriche e antinfiammatorie locali.

Elenco di gocce:

Si consiglia di inserire nell'orecchio un tampone di cotone immerso nel liquido di Burov. In caso di grave infiammazione, è prescritto il risciacquo con Miramistina o soluzioni antibatteriche. In alcuni casi, i medici raccomandano visite giornaliere alla procedura.

Il trattamento sistemico dell'orecchio esterno è prescritto in caso di gravi condizioni del paziente. Include antibiotici, antinfiammatori e antistaminici.

Trattamento dell'otite nei bambini

Il trattamento dell'orecchio esterno in un bambino viene eseguito allo stesso modo degli adulti, ma richiede maggiore attenzione da parte di medici e genitori.

Il complesso di misure per il trattamento dell'otite media in un bambino:

  1. Farmaci antipiretici e antinfiammatori: Nurofen, Panadol.
  2. Gocce di naso: Otipaks, Otofa, Tsipromed.
  3. Lavaggio: Miramistina, clorexidina.
  4. Antistaminici: Suprastin, Fenistil, Fenkrol.
  5. Antibiotici sistemici: Flemoxin, Augmentin, Azitrus.
  6. Tamponi di cotone con Levomekol.

I genitori dovrebbero assicurarsi che il bambino non tocchi l'orecchio, fornirgli biancheria pulita, in particolare una federa sul cuscino. Il bambino dovrebbe bere molto e mangiare completamente per guadagnare forza più velocemente.

Prevenzione delle malattie infiammatorie dell'orecchio esterno

È più facile prevenire le malattie dell'orecchio esterno che curare, pertanto si raccomanda di osservare le seguenti precauzioni:

  • seguire l'igiene del padiglione auricolare, ma non esagerare;
  • trattare con cura le ferite e le punture di insetti;
  • curare le malattie della pelle;
  • migliorare l'immunità;
  • trattare con cura le malattie rinofaringee;
  • nella stagione fredda indossare un cappello;
  • evitare l'ingresso di acqua nel condotto uditivo.

In otite cronica è necessario bere regolarmente un corso di vitamine, trattare malattie croniche ed evitare l'ipotermia. Se la frequenza della malattia si ripresenta, è possibile contattare l'immunologo, che prescriverà un trattamento e normalizzerà il sistema immunitario.

Struttura della funzione dell'orecchio esterno

6.3.2. Struttura e funzione dell'orecchio esterno

La parte periferica del sistema sensoriale uditivo - l'organo dell'udito consiste nell'orecchio esterno, medio e interno.

L'orecchio esterno è rappresentato dal padiglione auricolare e dal canale uditivo esterno (Fig. 50). Il padiglione auricolare è un piatto cartilagineo a forma di imbuto, coperto da entrambi i lati con la pelle. È un tipo di bocchino che raccoglie e dirige le onde sonore nel canale uditivo esterno. La parte inferiore o il lobo dell'orecchio non ha una base cartilaginea ed è riempita con cellule adipose. La funzione del padiglione auricolare è catturare suoni e proteggere il condotto uditivo dalla polvere. Nell'uomo, il ruolo del padiglione auricolare è relativamente piccolo: negli animali, il guscio è mobile e contribuisce all'orientamento quando il suono è localizzato.

Il canale uditivo esterno - un canale leggermente curvo (2,5 - 3,5 cm di lunghezza, diametro del lume - 0,6 - 0,8 mm) viene utilizzato per condurre vibrazioni sonore nell'orecchio medio. Fuori dalle sue pareti sono formati da tessuto cartilagineo (2/3 della lunghezza), all'interno - da tessuto osseo (1/3 della lunghezza).

All'interno, il meato uditivo esterno è coperto di pelle, dotato di peli, ghiandole sebacee e ghiandole di zolfo.Il segreto di queste ghiandole, insieme alle cellule dell'epidermide peeling, forma zolfo, che svolge una funzione protettiva. I peli e lo zolfo impediscono ai corpi estranei di entrare nell'orecchio. Nel punto di transizione del tessuto cartilagineo nel tessuto osseo, il canale uditivo forma una curva (quindi, una volta esaminato, il medico ritarda il padiglione auricolare negli adulti e nei bambini più grandi nel posteriore e in alto, nei bambini piccoli, nella parte posteriore e in quella inferiore). Nel condotto uditivo vicino al timpano, viene mantenuto un livello costante di temperatura e umidità, indipendentemente dalle fluttuazioni di questi parametri nell'ambiente esterno, che garantisce la stabilità delle proprietà elastiche del timpano.

Il condotto uditivo è chiuso dal timpano che separa l'orecchio esterno dall'orecchio medio. La membrana ha una forma ovale arrotondata, il suo centro è leggermente disegnato verso l'orecchio medio, quindi ha una forma conica. È una sottile lastra elastica costituita da due strati di fibre fibrose. Nello strato esterno hanno una disposizione radiale (raggio), nello strato interno sono circolari (circolari). Le fibre si intrecciano tra loro, garantendo la forza del timpano. Fuori (dal canale uditivo esterno), il timpano è coperto di pelle, dalla membrana mucosa interna (dall'orecchio medio). La funzione del timpano è la trasmissione di vibrazioni sonore che passano attraverso il canale uditivo esterno alle ossa dell'orecchio medio.

Fig. 50. La struttura dell'orecchio esterno:

1 - padiglione auricolare; 2 - canale uditivo esterno; 3 - timpano

La struttura e la funzione dell'orecchio esterno di una persona

L'orecchio esterno è uno dei dipartimenti dell'organo dell'udito umano. La maggior parte di esso consiste in una formazione cartilaginea visibile all'occhio - il padiglione auricolare. Fornisce la consegna del suono a specifici analizzatori.

Caratteristiche della struttura anatomica

L'area esterna dell'organo umano è costituita dal padiglione auricolare, ma in aggiunta ad essa, il canale uditivo esterno e una membrana specifica fanno parte di questo dipartimento. Si chiama "tamburo".

Direttamente il padiglione auricolare dell'orecchio esterno è formato dalla cartilagine, che è coperta dalla pelle. Solo il lobo, più morbido al tatto, è costituito da tessuto adiposo racchiuso in un sacchetto di pelle. Ecco un gran numero di terminazioni nervose.

C'è un buco nella parte inferiore del padiglione auricolare. Questo è il cancello d'ingresso all'auditorio. La sua dimensione è piccola. La lunghezza del percorso uditivo non supera i 2,5 cm, è disuguale in larghezza e presenta un leggero restringimento anatomico, che viene chiamato "istmo". In questo luogo la struttura del corso esterno è limitata all'osso temporale del cranio.

Il meato uditivo è rivestito con tessuto tegumentario, ricco di ghiandole secretorie che secernono una specifica sostanza protettiva: lo zolfo. Protegge l'organo dell'udito dall'infezione da microrganismi patogeni, inquinamento da polvere e piccole particelle estranee. Per rimuovere lo zolfo nel canale uditivo ci sono ciglia speciali. Esitando, ritirano gradualmente la secrezione dall'esterno. Stimolatore di questo processo sono tutti i movimenti prodotti dalla mascella inferiore.

L'anatomia del passaggio esterno dell'organo dell'udito è più complessa di quella del padiglione auricolare. Convenzionalmente, questo dipartimento è diviso in due parti:

  1. Il percorso uditivo inizia con l'area membranosa-cartilaginea, che, come il padiglione auricolare, è formata da cartilagine e tessuto connettivo. Inoltre, i piccoli petali di cartilagine formano solo due pareti: quella anteriore e quella inferiore. Il resto di questo dipartimento è costituito da fibre e fibre fibrose.
  2. A partire dal restringimento anatomico nell'osso temporale, il canale uditivo dell'orecchio esterno è formato principalmente da tessuto osseo.

Il canale uditivo è delimitato dalle ghiandole salivari. Questo quartiere porta spesso a infezioni crociate di questi organi con agenti patogeni.

Il bordo interno dell'orecchio esterno è il timpano. È una lastra molto sottile leggermente concava verso l'interno. È attaccato nel solco anatomico delle ossa del tempio. Tuttavia, una piccola parte di esso nella parte superiore rimane libera. Questa membrana non è solo uno dei conduttori principali delle onde sonore, ma anche una sorta di protezione per le parti interne dell'organo dell'udito.

Se parliamo della sua struttura, il timpano è formato da 3 strati principali:

  1. Il tessuto epidermico si trova all'esterno. In realtà, è una continuazione della pelle che riveste l'area esterna dell'orecchio umano.
  2. Il centro è tessuto fibroso. Ha una struttura specifica. Le sue fibre sono dirette in 2 direzioni diverse. Alcuni formano cerchi circolarmente disposti, e altre aree di tessuto fibroso li connettono in uno, situato lungo il raggio dei cerchi.
  3. Lo strato interno del timpano è in realtà l'inizio della cavità timpanica dell'orecchio medio. È formato da tessuto mucoso, cioè lo stesso che allinea le parti esterne dell'orecchio medio di una persona.

Rifornimento di sangue e innervazione

Il sangue entra in questa zona dell'organo dell'udito attraverso i rami dell'arteria carotide, e il deflusso è dovuto ai rami della vena giugulare. Di conseguenza, il cibo per questo organo viene consegnato dagli stessi vasi che alimentano tutte le strutture situate nel cranio umano.

L'orecchio esterno è adeguatamente circondato da linfonodi. Questi includono i seguenti:

  • I nodi più facili sono predosnye palpabili. Si trovano quasi sotto la pelle immediatamente di fronte al padiglione auricolare nell'area del tragus.
  • Formazioni di tessuto linfatico inferiore attaccate più in profondità. Confina con la parete inferiore del decorso uditivo esterno dell'orecchio umano.

Questi linfonodi aiutano a proteggere gli organi dell'udito dagli effetti avversi degli agenti patogeni batterici e delle loro tossine. Inoltre, partecipano ai processi metabolici tra i tessuti degli organi e il sistema circolatorio.

Nell'orecchio esterno, ci sono rami e terminazioni nervose di diverse fibre nervose piuttosto grandi. Questi includono diversi nervi motori dell'orecchio:

  • la parte anteriore del ramo dell'orecchio ha una grande terminazione nervosa;
  • diversi rami del nervo vago;
  • terminazione nervosa temporo-auricolare.

Gli stessi rami innervano l'orecchio esterno in altri dipartimenti.

Proprietà funzionali

Sulla questione del perché sia ​​necessario questo dipartimento dell'organo dell'udito, praticamente ogni persona risponderà che è necessario per condurre un'onda sonora. E questo non sarà del tutto giusto. Dopotutto, le funzioni del dipartimento esterno di questo corpo non finiscono qui. Gli esperti identificano tre "doveri" principali eseguiti dall'orecchio esterno. Questi includono i seguenti:

  1. Questo reparto protegge l'interno dell'apparecchio acustico dagli effetti negativi dell'ambiente. E questo non è solo batteri patogeni e inquinamento meccanico.
  2. Il percorso uditivo esterno fornisce una temperatura, umidità e pressione costanti nell'area del timpano. Di conseguenza, è difficile danneggiare l'orecchio interno.
  3. Questo dipartimento non è solo in grado di catturare e condurre suoni nella regione del timpano. Il corso uditivo esterno svolge il ruolo di un risonatore sonoro naturale. In che cosa si manifesta? Questo reparto controlla completamente le vibrazioni acustiche. Così, attutisce i suoni più forti e rafforza quelli più deboli, al contrario. Di conseguenza, l'orecchio esterno non solo consente di ascoltare il suono di qualsiasi frequenza e volume, ma impedisce anche a chi è ferito da un suono forte.

È grazie alla struttura dell'orecchio esterno che una persona ottiene la capacità di determinare la direzione esatta della propagazione del suono, così come la sua distanza.

Ciò è dovuto all'effetto binaurale, cioè alla capacità di sentire il suono di entrambe le orecchie contemporaneamente.

Da quanto precede, si può concludere che l'orecchio esterno è una struttura anatomica complessa. Non serve solo come conduttore di onde sonore, ma svolge anche una funzione protettiva, proteggendo l'interno dell'organo dell'udito dagli effetti negativi dell'ambiente.

Struttura, funzione, possibili malattie dell'orecchio esterno

Orecchie - l'organo più importante per ogni persona. Consentono di percepire adeguatamente i segnali sonori ricevuti e, grazie a ciò, permettono a una persona di vivere una vita piena, orientandosi nel mondo circostante. Una delle parti principali degli organi uditivi è l'orecchio esterno. In che parti consiste questa parte dell'apparecchio acustico umano e qual è la sua caratteristica funzionale? Scopriamolo.

La struttura dell'orecchio esterno

L'orecchio esterno è costituito da due parti: direttamente il padiglione auricolare e l'osso e il canale cartilagineo che collega la parte esterna dell'organo con il timpano. Tutte le onde acustiche, riflesse dal passaggio e dirette all'interno del padiglione auricolare, fluiscono verso quest'ultimo.

Il padiglione auricolare è un piatto cartilagineo ricoperto di pelle sulla parte superiore. La parte inferiore della conchiglia è chiamata lobo. Consiste in un tessuto adiposo e viene posto completamente in una sacca carnosa. Un'enorme quantità di terminazioni neuromuscolari si concentra sulla piastra stessa, quindi il suo massaggio attivo aiuta a sbarazzarsi di molte malattie.

Sul fondo del guscio c'è un piccolo foro - il cosiddetto "cancello d'ingresso" dell'area del piccolo canale uditivo (non più lungo di 2,5-3 cm), rivestito dall'interno con un panno di copertura. Il passaggio stesso è diviso in due parti: la zona membranosa membranosa, ricoperta di ghiandole sebacee e zolfo, e le ciglia e la regione ossea. La struttura del condotto uditivo è un po 'come una grondaia: il condotto uditivo è piegato su due piani contemporaneamente. È per questo motivo che è impossibile vedere ad occhio nudo all'interno dell'organo uditivo la fine della sua parte esterna - il timpano, se si guarda nella sua cavità.

Il timpano sembra un piatto molto sottile e ha un aspetto leggermente concavo all'interno della forma. Svolge il ruolo di ricevitore di vibrazioni sonore, ed è anche una sorta di protezione dalle influenze esterne per altre parti dell'organo uditivo che si trova all'interno.

Caratteristiche della struttura dell'orecchio esterno nei bambini

La parte esterna del sistema uditivo del bambino è in qualche modo diversa da quella di un adulto. Il lavandino neonato è più morbido e friabile al tatto, non ha contorni chiari e lobi. Quest'ultimo, a proposito, è finalmente formato solo dal quinto anno di vita.

Per quanto riguarda il canale uditivo, è molto più stretto e più corto in un bambino che in un adulto. Per questo motivo, lo zolfo si accumula rapidamente in esso, il che porta facilmente alla formazione di tenute di zolfo. Inoltre, nel primo anno di vita, il condotto uditivo del bambino nato non ha una sezione ossea, la parete superiore di questa parte esterna dell'organo contatta quella inferiore. La membrana di un bambino ha una struttura più densa rispetto ad un adulto a causa dello strato esterno della pelle che non si è ancora formato. E con il verificarsi di otite media acuta, la sua perforazione si verifica meno frequentemente, il che contribuisce allo sviluppo di complicanze.

Funzioni principali

Parlando delle funzioni dell'orecchio, si può notare che:

  • protegge i componenti interni dell'organo dell'udito dagli effetti negativi dell'ambiente (in particolare, da batteri e impurità meccaniche, e non solo);
  • fornisce una temperatura, un'umidità e una pressione costanti nel timpano, e questo a sua volta rende possibile non ferire accidentalmente l'organo dell'udito all'interno;
  • aiuta a raccogliere le vibrazioni e le conduce all'area del timpano;
  • e regola anche le onde acustiche: i suoni forti lo rendono più silenzioso, e più silenzioso, più debole, al contrario, dà chiarezza ed espressività.

A causa della particolare struttura della parte esterna, una persona non solo può sentire i suoni, ma anche determinare l'esatta direzione della loro distribuzione, così come la lontananza.

Malformazioni dell'orecchio esterno

Secondo le statistiche dell'OMS, circa il 15% dei bambini di tutto il pianeta nascono con chiari sintomi di varie anomalie dello sviluppo. Tuttavia, questo indicatore non è definitivo: molti difetti appaiono man mano che crescono.

Quindi, per esempio, le anomalie congenite della parte visibile dell'organo - la placca auricolare - includono un aumento o una diminuzione significativa delle sue dimensioni, o la totale assenza o assenza di questa parte dell'organo uditivo. I primi tre difetti possono essere facilmente eliminati con l'aiuto della chirurgia plastica, quest'ultima viene corretta impiantando uno scheletro pre-assemblato di una piastra sintetica nella pelle del paziente.

Altre anomalie congenite sono:

  • "Satire ear", in cui la parte superiore visibile ha una forma appuntita;
  • "Orecchio di macaco", quando i riccioli di un piatto di cartilagine sono fortemente levigati;
  • "Darwin's Hillock", caratterizzato dalla formazione di una sporgenza sul ricciolo dell'organo dell'udito;
  • così come la presenza di fistole congenite.

Le suddette anomalie nel 50% dei casi sono combinate con un irrigidimento del canale uditivo. Altri difetti del lume esterno includono: il suo restringimento o scissione e chiusura da una membrana.

I difetti di cui sopra sono spesso sintomi di alcune patologie ereditarie: in particolare, malattie di Goldenhar e Konigsmark e disostosi maxillo-facciale.

Possibili malattie

Le più comuni malattie associate al componente esterno dell'organo uditivo:

  • infiammazione primaria o secondaria del perchondrio - è caratterizzata da una forte sensazione di bruciore, gonfiore o arrossamento della pelle dell'orecchio, la comparsa di tuberosità e suppurazione nella regione del padiglione auricolare, ed è anche accompagnata da febbre o brividi;
  • infiammazione erysipelematosa dell'organo uditivo - la sua caratteristica distintiva è una sensazione pronunciata di distensione nell'organo, il suo arrossamento e gonfiore grave;
  • eczema dell'orecchio esterno e del canale uditivo - si manifesta contemporaneamente a numerose eruzioni cutanee di diversa natura e secrezioni sierose.

Nell'area della parte esterna del corpo possono anche comparire vari processi infiammatori: per esempio, può formarsi un foruncolo o un'otite esterna diffusa acuta.

Quest'ultimo è spesso accompagnato da forti sensazioni dolorose, aggravate dal parlare o masticare cibo, dall'ispessimento della pelle, dall'escrezione di essudato purulento e da un aumento dei linfonodi regionali.

Prevenzione delle malattie

Per proteggere gli organi uditivi dalle malattie di cui sopra, l'orecchio esterno deve essere tenuto pulito. Si sconsiglia l'uso di flagelli di cotone per la pulizia del condotto uditivo dagli accumuli di zolfo, poiché provocano la formazione di tappi di zolfo. E anche è necessario trattare le malattie ENT in tempo e liberarsi da carie.

In autunno e in inverno gli organi uditivi devono essere protetti dall'ipotermia: indossare un cappello caldo ed evitare un'esposizione prolungata alle correnti d'aria, specialmente dopo, ad esempio, una piscina. Nella doccia o nel bagno, è necessario lavare delicatamente, in modo che l'acqua non cada negli organi dell'udito. Per perforare i lobi delle orecchie, dovresti scegliere istituzioni mediche autorizzate, e non salotti di bellezza dubbi. Questo aiuterà a prevenire l'infezione all'interno della cavità.

MedGlav.com

Repertorio medico delle malattie

Menu principale

Struttura anatomica e funzione dell'orecchio.


CWD.

orecchio - organo dell'udito e dell'equilibrio di vertebrati e umani.
L'orecchio è la parte periferica dell'analizzatore uditivo.


Anatomicamente nell'orecchio umano distinguere tre dipartimenti.

  • orecchio esterno, costituito dal padiglione auricolare e dal canale uditivo esterno;
  • orecchio medio, composto dalla cavità timpanica e avente appendici: la tromba di Eustachio e le cellule mastoidi;
  • orecchio interno (labirinto), costituito dalla coclea (parte dell'uditorio), dal vestibolo e dai canali semicircolari (organo dell'equilibrio).

Se si attacca a questo il nervo uditivo dalla periferia alla corteccia dei lobi temporali del cervello, si chiamerà l'intero complesso analizzatore uditivo.

pinna l'uomo è costituito da uno scheletro - una cartilagine ricoperta di pericondrio e pelle. La superficie del guscio ha una serie di ammaccature e elevazioni.
I muscoli dell'orecchio in una persona servono a mantenere il padiglione auricolare nella sua posizione normale. Il canale uditivo esterno è un tubo cieco (lungo circa 2,5 cm), un po 'curvo, chiuso all'estremità interna dal timpano. In un adulto, il terzo esterno del canale uditivo è rappresentato dalla parte cartilaginea e dai due terzi interni dall'osso, che fa parte dell'osso temporale. Le pareti del canale uditivo esterno sono rivestite di pelle, che nella sua parte cartilaginea e nella parte iniziale dell'osso ha i capelli e le ghiandole che producono un segreto viscoso (cerume), così come le ghiandole sebacee.

Pinna:
1 - fossa triangolare; d - Darwin tubercle; 3 - torre; 4 - arricciatura delle gambe; 5 - ciotola del lavandino; 6 - cavità della conchiglia; 7 - anti-contrazione;
8 - arricciatura; 9 - antitrozhelok; 10 - lobo; 11 - taglio trasversale; 12 - serra; 13 - nadkoselkovy tubercle; 14 - taglio sovradimensionato; 15 - gambe protivuzavitka.


timpano in un adulto (10 mm di altezza e 9 mm di larghezza) isola completamente l'orecchio esterno dal centro, cioè dalla cavità timpanica. Nel timpano viene ruotata la maniglia del malleolo, parte di uno degli ossicini uditivi.

Cavità del tamburo un adulto ha un volume di circa 1 cm ^; rivestito con membrana mucosa; la sua parete ossea superiore confina con la cavità cranica, quella anteriore nella parte inferiore passa nella tromba di Eustachio, quella posteriore nella parte superiore - nella cavità che collega la cavità timpanica con la cavità (grotta) del processo mastoideo. La cavità del tamburo contiene aria. Contiene gli ossicini uditivi (il malleus, l'incudine, la staffa), collegati da articolazioni, così come due muscoli (il timpano stapedal e tensionamento) e legamenti.

Sulla parete interna ci sono due fori; uno di essi è ovale, coperto da una piastra di staffa, i cui bordi sono attaccati al telaio osseo con un tessuto fibroso che consente il movimento della staffa; l'altro è rotondo, coperto da una membrana (il cosiddetto tamburo secondario).

Il tubo di Eustachio collega la cavità timpanica al rinofaringe. Di solito è in uno stato collassato, quando la deglutizione, la pipa si apre e l'aria passa attraverso di essa nella cavità timpanica.

Struttura dell'organo destro dell'organo umano (incisione lungo il meato uditivo esterno):
1 - padiglione auricolare; 2 - canale uditivo esterno; 3 - timpano; 4 - cavità del tamburo; o-.molotochek;
6 - l'incudine; 7 - staffa; 8 - Tubo di Eustachio; 9 - canali semicircolari; 10 - chiocciola; 11 - nervo uditivo; 12 - osso temporale.

Durante i processi infiammatori nel rinofaringe, la membrana mucosa che riveste il tubo si gonfia, il lume del tubo si chiude, il flusso di aria nella cavità del timpano si arresta, causando la sensazione di distendere l'orecchio e la perdita dell'udito.

Dietro la cavità timpanica e il condotto uditivo si trovano cellule del processo mastoideo dell'osso temporale, che comunicano con l'orecchio medio, normalmente riempito di aria. Quando l'infiammazione purulenta della cavità timpanica (vedi ootite), il processo infiammatorio può passare alle cellule mastoidi (mastoidite).

Il dispositivo dell'orecchio interno è molto difficile, quindi è chiamato il labirinto.
Distingue la parte uditiva (coclea), che ha la forma di una lumaca di mare e forma 2 1/2 riccioli, e la cosiddetta parte vestibolare, costituita da una cisterna o un vestibolo, e tre canali semicircolari in tre diversi piani. Dentro il labirinto di ossa, posto a tessitura palmata, fatto un liquido limpido. Una piastra è in grado di oscillare attraverso il lume della coclea e su di essa si trova l'organo cocleare o corti, che contiene cellule uditive, la parte sensibile al suono dell'analizzatore uditivo.

Fisiologia dell'udito.

Funzionalmente, l'orecchio può essere diviso in due parti:

  • conduttivo (guscio, canale uditivo esterno, timpano e cavità timpanica, fluido labirinto) e
  • percezione del suono (cellule uditive, estremità del nervo uditivo); anche l'intero nervo acustico, i conduttori centrali e parte della corteccia cerebrale appartengono all'apparecchio che percepisce il suono.
    Una completa sconfitta dell'apparato che percepisce il suono porta ad una completa perdita dell'udito su una determinata sordità uditiva, ed una a conduzione sonora - solo parziale (perdita dell'udito).

pinna nella fisiologia dell'udito negli umani non gioca un ruolo importante, anche se sembra aiutare l'orientamento relativo alla sorgente sonora nello spazio. Il canale uditivo esterno è il canale principale attraverso il quale il suono trasmesso attraverso l'aria viene trasmesso durante il cosiddetto. conduzione dell'aria; un blocco ermetico (ad es. un tappo di zolfo) del lume può romperlo. In questi casi, il suono viene trasmesso al labirinto principalmente attraverso le ossa del cranio (il cosiddetto trasferimento osseo del suono).

timpano, separando ermeticamente l'orecchio medio (cavità timpanica) dal mondo esterno, lo protegge dai batteri contenuti nell'aria atmosferica, oltre che dal raffreddamento. Nella fisiologia dell'udito, il timpano (così come l'intera catena uditiva ad esso associata) è di grande importanza per la trasmissione di suoni bassi, cioè bassi; quando la membrana o gli ossicini uditivi vengono distrutti, i suoni bassi vengono percepiti male o per niente percepiti, i suoni medi e alti sono ascoltati in modo soddisfacente. L'aria contenuta nel timpano contribuisce alla mobilità della catena degli ossicini uditivi e, inoltre, trasmette anche il suono dei toni medi e bassi direttamente alla piastra della staffa, e forse anche la membrana secondaria di una finestra rotonda. I muscoli nella cavità timpanica servono a regolare la tensione del timpano e la catena degli ossicini uditivi (adattandosi a suoni di diversa natura) a seconda della forza del suono. Il ruolo della finestra ovale è la trasmissione principale delle vibrazioni sonore al labirinto (il suo fluido).

Un ruolo ben noto nella trasmissione del suono suona se stesso muro interno (labirinto) dell'orecchio medio (cavità del tamburo).

attraverso Tubo di Eustachio l'aria del timpano si rinnova costantemente e in esso si mantiene la pressione atmosferica dell'ambiente; quest'aria è sottoposta a un graduale riassorbimento. Inoltre, la pipa serve a rimuovere alcune sostanze nocive dal timpano nel nasofaringe - perdite accumulate, infezioni accidentalmente catturate, ecc. Con la bocca aperta, alcune delle onde sonore raggiungono la cavità timpanica attraverso il tubo; Questo spiega il fatto che alcune persone con problemi di udito aprono la bocca per sentirsi meglio.

Di fondamentale importanza nella fisiologia dell'udito il labirinto. Le onde sonore attraversano la finestra ovale e in altri modi trasmettono vibrazioni del fluido labirinto del vestibolo, che a sua volta li trasferisce ai liquidi della coclea. Le onde sonore che passano attraverso il fluido labirinto causano la sua oscillazione, che irrita le terminazioni dei peli delle corrispondenti cellule uditive. Questa irritazione, trasmessa alla corteccia cerebrale provoca una sensazione uditiva.

Il vestibolo e i canali semicircolari dell'orecchio rappresentano un organo di senso che percepisce i cambiamenti nella posizione della testa e del corpo nello spazio, così come la direzione del movimento del corpo. Come risultato della rotazione della testa o del movimento di tutto il corpo, il movimento del fluido nei canali semicircolari si trova in tre reciprocamente perpendicolari! piani, devia i peli delle cellule sensibili nei canali semicircolari e questo provoca irritazione delle terminazioni nervose; queste irritazioni sono trasmesse ai centri nervosi situati nel midollo allungato, causando riflessi. Forte irritazione del vestibolo e dei canali semicircolari dell'apparato vestibolare (ad esempio, durante la rotazione del corpo, il rotolamento su navi o aerei) causa vertigini, scottature, sudorazione, nausea e vomito. Lo studio dell'apparato vestibolare è di grande importanza nella selezione dei voli e dei servizi marittimi.