Trattamento di pollinosi Principi di base e farmaci per il trattamento della pollinosi

Il trattamento di pollinosi comprende tre aree principali:

  • Eliminazione degli allergeni
  • Trattamento farmacologico (farmacoterapia)
  • Trattamento con vaccini antiallergici (immunoterapia specifica).

Eliminazione degli allergeni

  1. Pianificare le tue passeggiate è necessario tenendo conto dell'ora del giorno e delle condizioni meteorologiche. Nei giorni caldi e secchi è meglio astenersi dall'andare all'aperto. La più alta concentrazione di pollini nell'aria è osservata dalle 11.00 alle 18.00, quindi in questo momento sarà ragionevole rimanere a casa. È più sicuro organizzare le passeggiate dopo la pioggia, quando tutto il polline che c'era nell'aria è stato lavato via da esso con goccioline d'acqua, e il nuovo polline non si era ancora asciugato per entrare nuovamente nell'aria atmosferica.
  2. La ventilazione è consigliata di notte o dopo la pioggia. Mentre sei all'interno, tieni le finestre il più chiuse possibile, ma se il clima caldo non lo consente, appendi finestre e apri le finestre con una garza imbevuta di acqua e non lasciarla asciugare completamente. È inoltre possibile utilizzare mezzi tecnici speciali per la purificazione dell'aria.
  3. Quando si va in vacanza, bisogna informarsi su quali piante crescono tra quelle che possono servire come causa di pollinosi in questa zona e quali sono i termini della loro fioritura e spolveratura. I luoghi di riposo preferiti in estate per le persone che soffrono di raffreddore da fieno sono le rive di stagni e dune.
  4. Mentre sei in macchina, chiudi i finestrini stretti, e se ci sono aria condizionata e speciali dispositivi di purificazione dell'aria in cabina, usali.
  5. È necessario limitare l'area di contatto della pelle e delle membrane mucose con l'aria atmosferica satura di allergeni. Questo può essere fatto con l'aiuto di vestiti appositamente selezionati, occhiali aderenti, medicazioni per il respiratore. Essendo stato per strada, dovresti cambiarti gli abiti, lavarti gli occhi, sciacquarti il ​​naso, sciacquarti la bocca, fare una doccia e lavare via il polline dalla tua pelle. Durante l'esacerbazione della febbre da fieno, è necessario fare la doccia più spesso.
  6. Durante l'esacerbazione della febbre da fieno, aumenta la sensibilità crociata, con conseguente aumento del rischio di reazioni allergiche a peli di animali domestici, polvere domestica e droghe. Pertanto, per l'intero periodo di spolverare le piante dovrebbero fare attenzione a comunicare con animali domestici e almeno due volte al giorno per effettuare la pulizia a umido dell'appartamento. Inoltre, è necessario familiarizzare con l'elenco degli allergeni vegetali, prodotti alimentari e preparati fitoterapici correlati e astenersi dal contatto con loro durante l'esacerbazione della febbre da fieno.
  7. Non asciugare i vestiti lavati all'aperto, anche sul balcone.
  8. Rimuovere dall'appartamento piante d'appartamento, fiori da campo e da giardino che sono potenziali allergeni: geranio, primula, begonia, violette, rose, lillà, gelsomino, mughetto, edera.
  9. Durante il periodo di trattamento del raffreddore da fieno, eliminare completamente profumi, cosmetici, shampoo e vari prodotti chimici domestici.

Farmaci per il trattamento di pollinosi

Tutti i farmaci per l'impollinosi possono essere attribuiti a due grandi gruppi:

  • Medicinali per l'pollinosi, che hanno un effetto preventivo;
  • Prodotti farmaceutici che alleviano i sintomi della pollinosi.

Farmaci con un effetto preventivo

I farmaci per l'pollinosi appartenenti a questo gruppo esistono sotto forma di varie forme di dosaggio, che consente loro di essere utilizzati per varie combinazioni di sintomi clinici di pollinosi.

Gli effetti collaterali durante l'assunzione di farmaci profilattici sono praticamente assenti (ad eccezione del ketotifene).

Farmaci antiallergici non steroidei (preparati cromonici e chetotifen):

Gocce di pollinosi

La pollinosi è una rinite allergica vasomotoria cronica e si manifesta sotto forma di reazioni negative al polline di erbe, fiori e alberi.

È quasi impossibile curare la malattia da sola, dal momento che è necessario condurre speciali procedure diagnostiche per identificare l'allergene che ha provocato il raffreddore da fieno. L'accento è posto sul trattamento dei sintomi con farmaci e altri metodi.

L'uso di metodi di medicina tradizionale è controindicato, poiché l'essenza del trattamento con questo metodo è l'uso di erbe e piante medicinali, molti dei quali sono anche allergeni.

Cause di malattia

La causa principale delle allergie stagionali - il rilascio di polline nell'aria durante il periodo di fioritura delle piante. Può essere una pianta particolare, un'intera famiglia o diverse piante. In contrasto con la rinite durante tutto l'anno, la pollinosi appare in periodi molto specifici ogni anno.

I fattori che provocano la malattia includono:

  1. Immunità indebolita;
  2. raffreddori frequenti;
  3. ereditarietà;
  4. asma bronchiale;
  5. disturbi del funzionamento dell'apparato respiratorio;
  6. abuso di fumo;
  7. lunga permanenza in aree con ecologia inquinata;
  8. lavoro relativo alle sostanze chimiche.

diagnostica

Esistono tecniche appositamente sviluppate con cui è possibile determinare in modo rapido e preciso l'allergene.

Metodi diagnostici di base:

Allergia ai graffi della pelle

test intracutanei;

  • Prick-test;
  • ricerca di scarificazione;
  • danno diretto specifico ai basofili;
  • Metodo ELISA
  • sintomi

    1. congestione nasale;
    2. gonfiore delle mucose;
    3. naso che cola con molto muco;
    4. starnuti frequenti;
    5. lacrimazione.

    Allergeni comuni

    Aprile.
    Le allergie possono apparire su: nocciolo, tiglio, quercia, pioppo, betulla, ontano, abete rosso, pino.

    Maggio.
    Questo mese, le allergie possono essere su: timothy, sui raccolti, erba del grano, quercia.

    Giugno.
    Il polline è pericoloso: lillà, gerani, erba pennuta, ricci.

    Da luglio ad agosto
    Per provocare un'allergia può: assenzio, quinoa, ortica.

    prevenzione

    L'esecuzione di misure preventive è di grande importanza quando una persona ha una reazione al polline. Eviteranno le allergie e prevengono le complicazioni.

    È importante attuare le seguenti linee guida per coloro che soffrono di pollinosi:

    1. Se possibile, si consiglia per un po 'di lasciare l'area in cui l'impollinazione delle piante provoca allergie.
    2. Se questo non è possibile, smetti di visitare la foresta, i parchi e le piazze.
    3. Evitare di aerare la stanza inutilmente.
    4. Pulizia giornaliera a umido.
    5. Togliere dai tappeti del soggiorno, giocattoli morbidi, tappeti.
    6. All'interno usano condizionatori d'aria con purificatori d'aria.
    7. Fai la doccia ogni giorno
    8. Lavare viso e mani dopo ogni visita.
    9. Limitare il contatto con sostanze nocive.
    10. Smetti di fumare.
    11. Escludere dalla dieta di frutta che può causare reazioni negative.
    12. Non usare cuscini e coperte. Sintepon preferito, bambù.
    13. Non usare deodoranti per ambienti nelle stanze.
    14. Evita i luoghi affollati.
    15. Non è consigliabile iniziare gli animali domestici.

    Relazione con lanugine di pioppo

    A volte si crede che la rinite stagionale (pollinosi) sia causata da lanugine di pioppo. Non è così: in sé la peluria di pioppo è al 100% di cellulosa, che molto raramente provoca allergie.

    Tuttavia, la peluria dovuta alla sua struttura accumula un'enorme quantità di polline su se stessa, che si diffonde su lunghe distanze. Così, insieme con il polline giù cade nel naso.

    I mezzi di lotta con lanugine sono in molti modi simili al paragrafo precedente sulla prevenzione della pollinosi. È necessario tenere conto del fatto che le griglie sulle finestre aiutano, ma non al 100% - la lanugine si attacca alla griglia, e il polline della lanugine semplicemente lo soffia nella stanza con il movimento dell'aria.

    Trattamento della rinite allergica stagionale.

    Durante il trattamento, è possibile utilizzare massaggi, rimedi casalinghi e folk, l'agopuntura, ma i più popolari sono le medicine.

    Nel trattamento della febbre da fieno, il medico seleziona una serie di farmaci per eliminare le complicanze e arrestare rapidamente i sintomi negativi della malattia. La scelta del farmaco e la sua forma di dosaggio dipendono anche dalla scelta del medico a seconda dei sintomi, della gravità, della sensibilità individuale. Può essere gocce, spray, risciacquo, pillole, inalazioni, unguenti e altre forme di farmaci.

    antistaminici

    Le ultime generazioni di questi farmaci non causano sonnolenza, sono sicuri per la salute e l'effetto è visibile dopo 30 minuti. I più popolari sono:

    Zyrtec

    Il farmaco è di 3 generazioni. Produrre il farmaco in Belgio. La base è la cetirizina. Allevia rapidamente la condizione, allevia i sintomi negativi e, se usato per la prevenzione, previene lo sviluppo di recidiva di allergia. Disponibile anche come gocce nasali. Non può essere usato durante la gravidanza e l'allattamento.

    Tsetrin

    Il farmaco è di 3 generazioni, il cui principio attivo è la ceritisina. Nel 50% delle persone, l'effetto è già evidente dopo 20 minuti. Rimuove i sintomi negativi, non ha praticamente effetti collaterali.

    Ha un'elevata capacità di penetrare nella pelle, per cui rimuove rapidamente le eruzioni cutanee e previene il prurito. Non cardiotossico. Non ha un effetto sedativo. Non influisce negativamente sul fegato. Virtualmente non ci sono controindicazioni e restrizioni, ma le donne in gravidanza non possono ancora. Le pillole allergiche possono essere trattate nei bambini dai 6 anni, con sciroppo da due.

    Claritin

    Il farmaco ha 2 generazioni, ma nonostante ciò, dopo 20 minuti, rimuove i sintomi negativi. L'ingrediente attivo è la loratadina. L'effetto del farmaco dura almeno 24 ore. Per i bambini, il prodotto è prodotto sotto forma di sciroppo, usato da 2 anni. Controindicazioni - l'allattamento al seno e durante la gravidanza è possibile con il permesso del medico.

    suprastin

    Nonostante il fatto che il farmaco sia di 1a generazione, è considerato il migliore del gruppo di antistaminici dell'era post-sovietica. Può essere utilizzato per lungo tempo, allevia rapidamente i sintomi di allergie.

    Non si accumula nel sangue, il che indica l'impossibilità di overdose.

    Il grande vantaggio è un prezzo accessibile. Contro: molte controindicazioni e possibili effetti collaterali.

    Aerius

    Questo farmaco è di 4 generazioni, non causa sonnolenza in una persona e non influenza la velocità di reazione. Allevia rapidamente gonfiore, lacrimazione, prurito.

    Ci sono pillole e sciroppo. Lo sciroppo può essere usato da 1 anno.

    Pochissime controindicazioni, tra cui l'allattamento al seno. Non ci sono dati affidabili per le donne in gravidanza, quindi non è raccomandato l'uso.

    Kestin

    Questo farmaco è di 4 generazioni con alta efficienza e uso a lungo termine. Il principio attivo è l'ebastina. Ha un lungo effetto terapeutico.

    Rimuove rapidamente il gonfiore, elimina le secrezioni mucose e la congestione nasale. Riduce il rischio di un attacco allergico riducendo il rischio di broncospasmo nell'uomo. È impossibile durante la gravidanza e l'allattamento.

    Stabilizzatori di membrana di mastociti

    Assegna, se gli antistaminici danno un effetto insufficiente. Questo include farmaci che interagiscono attivamente con la proteina di basofili e mastociti. Impediscono il rilascio di istamina nel corpo e la degranulazione.

    Questo gruppo si consiglia di prendere 2 settimane prima della fioritura e poi per tutto il periodo, mentre il polline viene rilasciato. Le medicine possono essere utilizzate dai corsi. L'unico inconveniente è la loro intolleranza in alcune persone.

    Kromogeksal, Kromoglin, Kromoksol

    Cromohexal è indicato per l'uso negli adulti e nei bambini dopo 5 anni. L'effetto evidente è evidente una settimana dopo l'applicazione. Il picco di efficienza arriva tra un mese. Previene il rilascio di istamina, leucotrieni e bradichinina. Efficace per la prevenzione della rinite allergica. Avverte un paziente con spasmo bronchiale.

    Spray allergia ormonale

    I medici li collegano se gli antistaminici e gli stabilizzatori della membrana mastocitaria non hanno completamente rimosso i sintomi negativi.

    Questi agenti hanno un alto grado di attività anti-infiammatoria. Allevia rapidamente il gonfiore delle mucose e la congestione nasale. Tuttavia, non hanno un impatto negativo sul corpo e non influenzano gli ormoni. Sono utilizzati in corsi fino a 10-15 giorni. I farmaci sono usati sotto forma di aerosol, facendo 1-2 iniezioni in ciascuna narice. I più efficaci sono:

    Nasonex

    Il farmaco ha un potente effetto anti-allergico e anti-infiammatorio. Nasonex è sicuro perché quando viene usato non viene praticamente assorbito nel sangue. Può essere usato per la profilassi 2 settimane prima della fioritura delle piante, così come direttamente durante l'impollinazione.

    L'effetto terapeutico massimo appare dopo 2 settimane di utilizzo. Non ci sono praticamente effetti collaterali. In rari casi, può verificarsi la mucosa nasale secca.

    Avamys

    Avamys allevia rapidamente i sintomi della rinite allergica. Dopo 5 giorni, vedere un feedback positivo dal farmaco. Interrompe rapidamente il corso della reazione patologica al polline, fermando i sintomi delle allergie. È ben tollerato dai pazienti e raramente causa effetti collaterali.

    Fliksonaze

    Differisce l'azione rapida, sopprimendo i sintomi di allergie nel più breve tempo possibile. Fliksonaze ​​stabilizza rapidamente le condizioni del paziente. Non influisce negativamente sul fegato e sul tratto gastrointestinale.

    Aldecine (beclometasone)

    Ha un potente effetto anti-infiammatorio. Rapidamente e senza effetti collaterali rimuove i sintomi negativi delle allergie.

    Il massimo picco di efficacia appare dopo alcune settimane, a seguito del quale può essere utilizzato per scopi profilattici e per la prevenzione delle recidive. Ben tollerato dai pazienti. Ha un rischio minimo di effetti collaterali.

    Immunoterapia specifica

    Viene eseguito da un medico se viene rilevata un'esatta irritazione. Questo è il metodo migliore che non solo rimuove i sintomi, ma può anche curare le allergie. L'essenza della procedura è la gestione dell'allergene del paziente, che causa sintomi negativi.

    Il trattamento viene effettuato per fasi. Iniziare l'introduzione della soluzione con una piccola concentrazione, aumentandola gradualmente al massimo. Tra una iniezione e l'altra ci dovrebbe volere del tempo perché il corpo si adatti gradualmente. Di conseguenza, la persona sviluppa l'immunità per l'allergene e la malattia scompare completamente. Il processo potrebbe richiedere diversi anni.

    lavaggio

    Durante la fioritura delle piante che sono allergiche, si raccomanda ai pazienti di lavare le mucose per rimuovere il gonfiore e la congestione nasale. È facile da fare a casa. Anche questa procedura aiuta a ridurre la quantità di muco secreto.

    Questi farmaci sono l'unica alternativa agli agenti vasocostrittori, sono sicuri da usare e possono essere utilizzati dai bambini e dalle donne in gravidanza.

    Akvalor

    Il farmaco non ha effetti collaterali. Aqualor è indicato per l'uso da parte di persone di qualsiasi fascia d'età. Lavora efficacemente la mucosa nasale, rimuovendo polline e altri composti allergici dalle sue pareti.

    delfino

    L'effetto è visibile dopo un singolo uso. Lo strumento rimuove rapidamente il gonfiore e rimuove il muco in eccesso. È una droga sicura, perché nella sua composizione assomiglia a un fluido fisiologico.

    Aqua Maris

    Attenua i sintomi della rinite allergica, influenza delicatamente la mucosa nasale. Affronta efficacemente abbondanti secrezioni di muco, aumenta le riserve protettive del sistema immunitario.

    Allergia al vasocostrittore allergia stagionale

    L'effetto di questo gruppo di farmaci è positivo, ma non duraturo. Sono utilizzati nel caso in cui sia necessario rimuovere la congestione nasale, fermare la secrezione di muco e migliorare la salute generale.

    Più spesso, questi farmaci sono prescritti dal medico in combinazione con altri farmaci contro la rinite allergica. Sono utilizzati sotto forma di gocce o aerosol di non più di 7 giorni.

    Secondo il principio attivo principale, questo gruppo è diviso in tre tipi di farmaci:

    1. Contenenti naphazoline, agiscono rapidamente, ma l'effetto dura solo per poche ore (Naphthyzin, Sanorin, Tizin).
    2. Xilometazolina nella composizione - la sostanza più comune per agenti vasocostrittori. L'effetto dell'applicazione è raggiunto dopo circa 15 minuti e dura per 4 ore. La maggior parte di queste gocce ("Xymelin", "Per portare", "Rinonorm") possono essere utilizzate durante l'infanzia.
    3. Il componente principale - Oxymetazoline - ha l'effetto più lungo ed è in grado di facilitare la respirazione per 10-12 ore, ma rispetto ad altri tipi è il più tossico e causa una dipendenza più rapida. Presentate gocce "Nazivin" e "Nazol".

    Trattamento delle allergie ai pollini in donne in gravidanza e bambini

    Nel trattamento della rinite in donne in gravidanza o allattamento, così come nei bambini, è necessario selezionare attentamente i farmaci. Nelle donne incinte e nei bambini, il sistema immunitario è indebolito, quindi le allergie possono avere forti sintomi negativi. Nel trattamento della rinite nei bambini ci sono un certo numero di caratteristiche.

    La pollinosi può provocare malattie come:

    1. bronchiti;
    2. tracheiti;
    3. gonfiore delle mucose;
    4. processi infiammatori.

    Il compito del paziente, il più possibile, di proteggersi dagli irritanti e applicare tutte le prescrizioni del medico curante. I bambini e le donne in gravidanza possono assumere i seguenti farmaci:

    Akvalor. È saturo di microelementi e minerali. Sono lavati con mucosa nasale. Il farmaco è così sicuro che è indicato per i bambini.

    I suoi analoghi sono anche Dolphin, Aquamaris, Quicks.

    Vibrocil può essere usato per alleviare il gonfiore, normalizzare la respirazione e normalizzare la mucosa. È indicato per donne in gravidanza e bambini.

    Agenti efficaci sono stabilizzatori di membrana mastocitaria. Includono l'acido cromoglicico, che rimuove i sintomi negativi sotto forma di congestione nasale e lacrimazione. Il farmaco penetra nel latte materno, in modo che non possa essere usato durante l'alimentazione.

    Video utile

    Intervista con uno specialista per la diagnosi, il trattamento e la prevenzione della rinite allergica stagionale:

    conclusione

    I pazienti affetti da pollinosi devono assumere farmaci solo sotto la supervisione di un medico e attuare misure preventive.

    Un adeguato trattamento e prevenzione migliorano significativamente la qualità della vita al momento dell'aggravamento della malattia e prevengono lo sviluppo di complicanze.

    malattie polline

    Pubblicato sulla rivista:
    Il mondo della medicina »» No. 5 '98 »» I.M. Enciclopedia medica Testa di Vorontsov. Dipartimento di Pediatria n. 3, Accademia pediatrica statale di San Pietroburgo, Dr. med. scienze, professore
    IN Vikulina, allergologo.

    Lo sapevi?

    • La febbre da fieno - una delle più comuni malattie allergiche, si verifica nel 2-20% della popolazione. Il primo rapporto ufficiale di una malattia degli occhi stagionali fu fatto nel 1819.
    • La malattia aveva il nome di febbre da fieno, in quanto la ragione era considerata fieno.
    • Delle migliaia di specie di piante distribuite nel mondo, solo circa 50 producono polline, che può causare pollinosi. Si tratta principalmente di piante impollinate dal vento, che emettono enormi quantità di polline piccolo (0,02-0,04 mm) trasportato dal vento su lunghe distanze.
    La pollinosi è una malattia che si verifica in individui con predisposizione allergica in risposta a ripetute inalazioni dell'allergene pollinico. È caratterizzato da una rigida stagionalità delle manifestazioni dei sintomi clinici e spesso dalla sconfitta di molti sistemi corporei.

    Fattore eziologico
    - polline delle piante. L'attività antigenica del polline che causa la pollinosi è dovuta ai polipeptidi e alle glicoproteine.
    Selezionati diversi gruppi di piante allergeniche. Il polline di ambrosia, prato e erba ha la più alta attività antigenica. Allo stesso tempo, il polline delle conifere è estremamente raramente la causa della pollinosi.
    Esiste una comunità antigenica tra il polline di una pianta (le sue foglie, i suoi steli, i suoi frutti) e le piante correlate. Tale allergia polivalente deve essere considerata per la prevenzione delle esacerbazioni della febbre da fieno (vedi Tabella 1).

    Tabella 1
    POSSIBILI OPZIONI PER L'INPATIBILITÀ DI ALLERGENI DI PIANTE CORRELATE, PRODOTTI ALIMENTARI E PHYTOPREPARATIONS PER L'ALLERGIA ALLA PIANTA DIVERTENTE

    Tabella 2
    CALENDARIO INDICATIVO DI ESTRAZIONE MASSIMA DEI POLI DA PARTE DI ALCUNE PIANTE

    patogenesi
    Il primo anello nella patogenesi della pollinosi è l'ingresso di polline nel corpo. Ciò è dovuto, da un lato, alla presenza di un "fattore di permeabilità" nella struttura pollinica, contribuendo alla penetrazione dei grani di polline attraverso l'epitelio delle mucose e, dall'altro, alla distruzione delle funzioni protettive e di barriera del tratto respiratorio superiore.
    Nei pazienti con pollinosi, i "difetti di protezione" sono ereditati. Questo è:

    • carenza di secretoria Ig A,
    • violazione della funzione protettiva locale dei macrofagi e dei granulociti,
    • ridotta produzione di una sostanza che inibisce l'attività di permeabilità ai pollini,
    • la funzione dell'epitelio ciliato delle vie respiratorie (può essere formata a causa dell'impatto di sostanze irritanti fisico-chimiche - questo è dovuto all'elevata prevalenza del raffreddore da fieno tra i residenti nelle città industriali, le infezioni respiratorie virali, il fattore di permeabilità ai pollini).
    Come risultato dello sviluppo di una reazione allergica locale e della penetrazione di frazioni solubili di allergeni nel flusso linfatico e nel flusso sanguigno, vi è un aumento del livello di sensibilizzazione e coinvolgimento nel processo allergico di tessuti che non hanno contatto diretto con il polline (tratto respiratorio inferiore, tratto gastrointestinale, sistema urinario, ecc.).
    La penetrazione di allergeni pollinici induce una seconda fase della patogenesi - immunologica. Le persone con predisposizioni allergiche hanno una maggiore sintesi di IgE determinata geneticamente in risposta all'esposizione ad allergeni, compreso il polline.
    La fissazione su mastociti e basofili, che hanno corrispondenti recettori sulla loro superficie, provoca complessi antigene-anticorpo a causare una catena di trasformazioni biochimiche dei lipidi di membrana (la fase patochimica), con conseguente secrezione di mediatori di anafilassi (istamina, serotonina, leucotrieni, ecc.), Attivazione delle plasmanti.
    I mediatori, stimolando i recettori degli organi bersaglio, inducono la fase fisiopatologica della reazione atonica: edema delle mucose, aumento della produzione di muco, spasmo della muscolatura liscia. Queste reazioni patofisiologiche sono realizzate in 10-20 minuti. dopo aver permesso l'allergene e determinare i sintomi clinici della febbre da fieno.

    clinica
    La pollinosi è caratterizzata da una rigida stagionalità e sintomi respiratori acuti e ricorrenti. L'infiammazione allergica delle prime vie respiratorie si manifesta con rinorrea (secrezione nasale), starnuti, violazione della respirazione nasale, prurito al naso, palato, occhi, lacrimazione. In pazienti con secrezione acquosa liquida secreta con un gran numero di eosinofili. Se le mucose dei piccoli bronchi e bronchioli sono coinvolte nel processo, possono svilupparsi attacchi di asma bronchiale (l'asma del polline si verifica nel 20% dei pazienti).
    In alta stagione, i pazienti possono manifestare sintomi comuni: irritabilità, facile affaticamento, mancanza di appetito, depressione, perdita di peso e così via.
    La gravità dell'esacerbazione stagionale della malattia dipende dalla concentrazione di polline nell'aria, dalla durata della stagione pollinica, dal grado di sensibilità individuale. Anche dopo una diminuzione della concentrazione di polline nell'aria, i singoli pazienti hanno manifestato a lungo manifestazioni di pollinosi in connessione con una risposta non specifica a vari fattori (forte odore, inquinamento atmosferico, cambiamenti di temperatura, ecc.).
    In alcuni pazienti con pollinosi si notano sintomi di danno agli organi interni, le cui manifestazioni hanno una rigida stagionalità e completa reversibilità dopo la fine della stagione di impollinazione.
    La diagnosi di pollinosi è fatta sulla base dell'anamnesi allergologica raccolta, tenendo conto del calendario delle piante da fiore in una determinata area geografica, e della conferma di sensibilizzazione con test cutanei allergologici diagnostici con i corrispondenti allergeni pollinici, che vengono effettuati al di fuori della stagione di fioritura.

    Principi generali di terapia
    La tattica del trattamento del raffreddore da fieno dipende dalla stagione e dalla fase della malattia.
    Durante la stagione della fioritura, la terapia deve essere mirata a proteggere gli organi bersaglio dagli effetti dannosi di specifici allergeni e stimoli non antigenici. Tutti gli agenti farmacologici utilizzati durante questo periodo possono essere suddivisi in due grandi gruppi:
    I. Farmaci con un effetto preventivo
    A. Farmaci antiallergici di origine non steroidea
    I farmaci in questo gruppo (vedi Tabella 3) sono in grado di prevenire lo sviluppo della fase iniziale della risposta allergica. Essi inibiscono la secrezione di mediatori allergici da mastociti e basofili bloccando l'ingresso di Ca 2+ nella cellula e l'accumulo di cAMP, a causa dell'inibizione dell'attività fosfodiesterasica. Sotto la loro influenza, c'è anche una diminuzione del numero di eosinofili e la soppressione dello sviluppo dell'infiammazione allergica nelle mucose.
    Per prevenire una reazione allergica nella stagione della fioritura, è richiesto un ciclo di trattamento con farmaci di questo gruppo durante l'intero periodo sfavorevole.
    L'esistenza di varie forme di dosaggio rende possibile l'uso di farmaci di questo gruppo per varie manifestazioni cliniche di allergia ai pollini.

    Tabella 3
    MEZZI ANTIALLERGICI DI ORIGINE NON STEROIDE

    Gocce nel trattamento delle pollinosi

    L'pollinosi è una delle più comuni malattie allergiche. È caratterizzato da un decorso stagionale ed è causato dal polline di varie piante. Tale malattia si fa sentire dalle reazioni allergiche, rappresentate principalmente dalla congiuntivite allergica e dalla rinite. La terapia per l'pollinosi deve essere effettuata sotto la supervisione di un allergologo.

    Pollinosi: trattamento con gocce

    La stragrande maggioranza dei farmaci per il trattamento delle pollinosi ha solo un effetto sintomatico. Questo vale anche per le gocce. Eliminano o alleggeriscono solo i fenomeni spiacevoli causati dalla malattia, ma non influenzano affatto i meccanismi del suo sviluppo. Il principale vantaggio dell'uso di gocce nell'impollinosi è che hanno solo un effetto locale (ad eccezione delle gocce per il consumo domestico), quasi senza cadere nella circolazione generale. Di conseguenza, tali farmaci hanno meno probabilità di causare effetti collaterali e non hanno un impatto negativo sul funzionamento di organi e sistemi.

    Per la correzione della pollinosi si possono applicare gocce di tre diversi tipi:

    • farmaci antistaminici;
    • steroidi;
    • farmaci vasocostrittori.

    Farmaci antistaminici

    Tali fondi sono considerati essenziali per il trattamento della pollinosi. Sono in grado di bloccare il rilascio di istamina dai mastociti, così come i basofili, che porta ad una riduzione ed eliminazione delle manifestazioni di reazioni allergiche (ad esempio prurito, rinorrea e congiuntivite).

    Tutte le gocce di antistaminico per il trattamento della pollinosi possono essere suddivise in tre gruppi:

    • fondi per il consumo interno;
    • gocce nasali;
    • collirio.

    Gocce per uso interno

    Il trattamento della pollinosi può essere effettuato utilizzando il farmaco Cetirizine Hexal. Il suo componente principale, la cetirizina, è un farmaco antistaminico di seconda generazione. Tale strumento può ridurre in modo permanente le manifestazioni della malattia. I pazienti adulti devono prenderlo solo una volta al giorno - venti gocce.

    Anche tra le popolari gocce di antistaminico è Ksizal, il suo componente principale è rappresentato dalla levocetirizina dicloridrato. Tale medicina ha anche un effetto prolungato (di lunga durata): viene usato venti gocce una volta al giorno.

    Gocce nasali

    Tra i farmaci antistaminici popolari vanno distinti il ​​Sanorin-Analegin, che comprende due componenti attivi: antilazolina mesilato e nitrato di napazolina. Questo farmaco deve essere attribuito ai mezzi combinati, perché la nafazolina ha un effetto vasocostrittore pronunciato e l'antazolina blocca il rilascio di istamina. Sanorin-Analergin è usato per l'instillazione di due o tre gocce in ogni passaggio nasale tre o quattro volte al giorno. La terapia può durare non più di cinque giorni di fila.

    Prevalina appartiene anche alle famose gocce nasali per il trattamento delle pollinosi. Questo farmaco non è un antistaminico nel senso letterale del termine, anche se impedisce l'insorgere dei sintomi di pollinosi. Contiene olio di bentoite (argilla blu), sesamo e menta, oltre a glicerina e numerosi componenti aggiuntivi. Prevalina previene la penetrazione di allergeni nelle membrane mucose del naso, creando su di essi un'impenetrabile barriera microgel. Inoltre, tale strumento idrata le mucose e contribuisce al loro recupero. Provalin dovrebbe essere usato due o tre volte al giorno, effettuando una o due iniezioni in ogni passaggio nasale.

    Collirio

    Il trattamento della pollinosi, che provoca una congiuntivite allergica pronunciata, può essere effettuato con l'uso di gocce di antistaminico Opatanol. Questo strumento ha nella sua composizione il principio attivo olopadadina, che previene efficacemente il rilascio di istamina e lo sviluppo di una reazione allergica in generale.

    Opatanol deve essere usato per l'instillazione nel sacco congiuntivale in una o due gocce due o tre volte al giorno. L'intervallo ottimale tra gli usi è di otto ore. Il farmaco è adatto per l'uso a lungo termine - fino a quattro mesi.

    La pollinosi viene anche trattata con gocce di Allergodil. Il loro principio attivo - azelastina cloridrato - affronta i sintomi della congiuntivite allergica e ne impedisce il loro aspetto. La medicina viene instillata una goccia in ciascun occhio due volte al giorno. Se necessario, la molteplicità di applicazioni può essere aumentata fino a quattro volte al giorno, ma solo dopo aver consultato un medico.

    Inoltre, il trattamento della pollinosi può essere effettuato utilizzando gocce di Okumetil. Questo è un farmaco combinato che incorpora una soluzione acquosa di solfato di zinco, difenidramina cloridrato e nafazolina cloridrato. La combinazione di questi componenti ha un effetto antisettico e antiallergico pronunciato, aiuta a eliminare l'irritazione e il gonfiore delle mucose degli occhi. Di solito tale medicina viene instillata in una goccia due o tre volte al giorno.

    Trattamento della pollinosi: glucocorticosteroidi

    Questo gruppo di gocce si riferisce ai farmaci ormonali. Di conseguenza, possono essere utilizzati solo in casi estremi, quando la malattia è caratterizzata da un decorso particolarmente grave e quando altri medicinali non danno l'effetto desiderato. I glucocorticosteroidi hanno un effetto antinfiammatorio e antiallergico pronunciato, aiutano a far fronte agli spiacevoli sintomi provocati dalla pollinosi.

    Tra questi farmaci c'è budesonide. Il prodotto può essere acquistato come un aerosol - dovrebbe essere usato due volte al giorno (al mattino e alla sera), con due iniezioni in ogni passaggio nasale. Le gocce di budesonide sono usate in due o tre gocce in ogni passaggio nasale anche due volte al giorno.

    Con glucocorticosteroidi e fluticasone. Questo strumento è più spesso usato una volta al giorno (al mattino), eseguendo due iniezioni in ciascuna narice. Se necessario, il medico può consigliare di aumentare la frequenza di utilizzo fino a due volte al giorno.

    Farmaci vasocostrittori

    Tali farmaci sono usati per la somministrazione intranasale (per l'instillazione nel naso). Riducono efficacemente il rossore e il gonfiore delle mucose del naso, aiutano a ripristinare la respirazione nasale. Uno svantaggio significativo di tali farmaci è che non possono essere utilizzati per più di cinque giorni consecutivi, altrimenti possono creare dipendenza e smetteranno di aiutare.

    I farmaci vasocostrittori più popolari includono il nafthzin. Il componente attivo di un tale agente è la nafazolina. Il farmaco viene utilizzato per l'instillazione da uno a tre gocce tre o quattro volte al giorno.

    Anche tra il vasocostrittore è Galazolin, il suo componente principale è la xilometazolina. Questo farmaco viene solitamente utilizzato da due a tre gocce tre volte al giorno.

    Un altro potente farmaco vasocostrittore include il nazivin, che è composto da ossimetazolina. Questo strumento viene utilizzato per instillare una o due gocce in ciascun passaggio nasale due o tre volte al giorno.

    Va notato che il trattamento della pollinosi deve essere effettuato esclusivamente sotto la supervisione di un allergologo specialista. Tutti i suddetti farmaci possono causare effetti collaterali, inoltre hanno un numero di controindicazioni da utilizzare. Pertanto, tutti i mezzi per la terapia sono scelti dal medico soprattutto su base individuale.

    La primavera è di nuovo presa di sorpresa? Scopri tutto sul trattamento della pollinosi e la preparazione per il periodo di fioritura.

    Durante la fioritura di piante e alberi, alcune persone iniziano a mostrare reazioni allergiche, che sono caratterizzate da congiuntivite acuta, rinite ed eruzioni cutanee.

    Questo fenomeno è chiamato pollinosi (nel popolo la malattia ha un nome diverso - "febbre da fieno").

    Il trattamento della pollinosi richiede molto tempo e richiede necessariamente un approccio integrato, ma anche se l'allergia si attenua, nel successivo periodo di fioritura, può nuovamente farsi sentire.

    Come prepararsi per la pollinosi stagionale?

    Le persone che conoscono la possibile manifestazione di pollinosi di primavera in se stesse, dovrebbero prendere misure tempestive per facilitare almeno il decorso della malattia.

    Il primo passo deve essere esaminato per determinare la probabilità di reazioni allergiche.

    Per fare questo, donare esami del sangue e della pelle, che consente di identificare i potenziali allergeni. I metodi moderni permetteranno di rilevare diverse dozzine di possibili agenti causali di raffreddore da fieno per una particolare persona - dovrebbero essere evitati se possibile.

    Tali analisi sono preferibilmente donate in autunno o più vicine all'inverno.

    All'avvicinarsi del periodo di fioritura, le persone con pollinosi dovrebbero, se possibile, eseguire le seguenti azioni preventive:

  • In primavera e in estate, quando inizia la fioritura e gli allergeni sotto forma di polline entrano nell'aria, dovresti limitarti a fumare il più possibile, dal momento che il fumo aumenta solo l'effetto negativo degli allergeni.
  • Vale anche la pena evitare di lavorare con vernici, vernici, prodotti chimici domestici durante questo periodo e le donne dovrebbero astenersi dall'utilizzare cosmetici contenenti fragranze aromatiche.
  • L'appartamento deve avere un livello di umidità equilibrato (allergie, è meglio non lesinare sull'umidificatore).
  • Alcuni non aiutano questa prevenzione, e in questo caso puoi dare solo un consiglio: partire per il tempo delle piante da fiore in una zona dove la solita fauna non cresce.

    Monitoraggio del polline

    Per molti anni, in Russia è stato operativo uno speciale servizio di controllo aeroflotnologico, i cui dipendenti determinano empiricamente la quantità di polline nell'aria.

    Per fare questo, i campioni di aria sono presi ogni giorno, ei dati sono pubblicati nel pubblico dominio e le persone che sono predisposte alle allergie possono facilmente vedere non solo le regioni e le aree in cui il rischio di esacerbazione è più probabile, ma anche conoscere le date approssimative in cui la concentrazione di allergeni nell'aria raggiunge valori di picco.

    Abbiamo un articolo dettagliato sui sintomi delle allergie stagionali e le ragioni della sua comparsa.

    Diagnosi della malattia

    Le misure diagnostiche per rilevare l'pollinosi o la suscettibilità ad esso includono:

    • rinoscopia (esame della cavità nasale per gonfiore delle mucose e restringimento dei passaggi nasali);
    • esame oftalmologico (nei casi in cui gli organi della vista sono infiammati, è necessario assicurarsi che questa non sia una conseguenza delle malattie degli occhi, ma una manifestazione di reazioni allergiche);
    • presa della storia;
    • analisi del sangue per immunoglobuline.

    In quest'ultimo caso, lo specialista può valutare la gravità dell'allergia e lo stato generale del sistema immunitario.

    Il corpo di ogni persona ha anticorpi anti-immunoglobulina E che, a contatto con un allergene, emettono serotonina e istamine naturali nel sangue, e questo può portare alla manifestazione di reazioni infiammatorie.

    Metodi di trattamento negli adulti

    La pollinosi richiede un trattamento immediato, ma a volte i pazienti richiedono non solo un complesso di misure, ma un pronto soccorso immediato. Questo è necessario quando compaiono i seguenti segni nelle persone allergiche:

  • labbra blu improvvise e pelle pallida;
  • intenso prurito in diverse parti del corpo;
  • soffocamento e difficoltà a respirare;
  • un forte calo della pressione sanguigna;
  • aumento della frequenza cardiaca.
  • Questi sono segni evidenti di anafilassi, e questo di solito si verifica fuori casa quando una persona inala aria di strada contenente allergeni.

    In tali situazioni, è necessario chiamare un'ambulanza, davanti alla quale la persona deve essere messa sulla schiena e, se possibile, somministrargli antistaminici (di solito chi soffre di allergie e sono a conoscenza di questi rischi, portare con sé il farmaco appropriato).

    Il corpo dei bambini è più sensibile sia agli allergeni che ai farmaci. Ecco perché, il trattamento del bambino deve essere affrontato con attenzione e attenzione.

    Un trattamento completo del raffreddore da fieno dipende dalla misura in cui la malattia si manifesta:

      Grado lieve

    Quando i sintomi sono minimi, ma causano ancora sensazioni spiacevoli, vengono prese principalmente preparazioni generali o locali (per lo più orali).

    Questi farmaci comprendono cetirizina, azelastina, acrivastina, ebastina, desloratadina, levocabastina, cromogexal, polisorb, kromospir e altre pillole simili per l'pollinosi, che il medico prescrive.

  • Grado medio. In questi casi, il trattamento si basa sull'assunzione di glucocordicoidi locali: Klenil, Nasonex, Aldecine, Ftorocort, Budoster, Pulmicort.
  • Grado pesante. Questa forma di pollinosi richiede una combinazione di farmaci usati per gradi lievi e moderati, e inoltre antagonisti dei leucotrieni sono inclusi nel corso del trattamento: Singlon, Montelar, Singulyar, Accol.
  • Oltre alla terapia farmacologica, ci sono altri modi per trattare la pollinosi, la cui scelta dipende dalla presenza di controindicazioni ed efficacia per ogni singolo paziente.

    ASIT (immunoterapia specifica allergene). Questo metodo comporta l'introduzione nel corpo del paziente di un allergene che induce pollinosi, ma in piccole quantità.

    Agisce come qualsiasi vaccino: si presume che una persona dovrebbe creare dipendenza da tali sostanze e, di conseguenza, una diminuzione della sensibilità nei loro confronti.

    Lo svantaggio del metodo è che è possibile causare insensibilità a un solo allergene specifico.

    E poiché potrebbero essercene dozzine (e devono ancora essere determinate con precisione), tale trattamento può richiedere molto tempo.

    L'allergene può essere somministrato come un'iniezione, vale a dire iniezioni e sotto forma di capsule o compresse. Possono anche essere usate polveri, soluzioni acquose o formulazioni liquide contenenti un allergene.

    Spray antistaminici e gocce

    A volte i sintomi della pollinosi si diffondono agli organi visivi, provocando forti pruriti, irritazioni e bruciore.

    Se si tratta del fatto che una persona durante l'esacerbazione delle allergie non può lavorare normalmente e svolgere le normali attività a causa della visione compromessa, vengono utilizzate gocce antiallergiche oftalmiche (occhi) che possono appartenere a uno dei seguenti gruppi:

    • antistaminici (chetotifene, olopatadina, azelastina, nasonex);
    • decongestionanti (Opcon-A, Vizin);
    • gocce nasali ormonali (Lotoprednolo, desametasone);
    • farmaci anti-infiammatori (Akular).

    Per eliminare i sintomi della pollinosi, si possono usare spray speciali, che sono prescritti se i rimedi pre-orali relativamente deboli non hanno l'effetto desiderato.

    Tali spray possono contenere come componente principale l'azelastina (Allergodil C), la sostanza medicinale Levocabastin (Histimet, Reactin, Tezin) o l'acido cromoglicico (Cromoglin o Cromgexal).

    inalazione

    Il metodo di inalazione del trattamento della pollinosi è uno dei metodi aggiuntivi di trattamento, ma non è efficace come mezzo di trattamento, ma sopprime principalmente i sintomi.

    Per l'inalazione in questo caso, è possibile utilizzare qualsiasi olio essenziale che può essere acquistato in farmacia.

    Inoltre, il metodo di inalazione, è possibile immettere nel corpo una piccola quantità di allergeni, "allenare" il sistema immunitario e inoculare la resistenza a determinati tipi di agenti patogeni.

    Rimedi popolari

    È sempre necessario trattare la medicina popolare con cautela, poiché, a causa della mancanza di risultati da studi clinici, è difficile dimostrare l'efficacia di un particolare metodo, inoltre, se i dosaggi delle componenti costitutive vengono violati, è possibile l'effetto opposto.

    Nel trattamento della pollinosi, le seguenti ricette danno un risultato positivo notevole:

      Serie di brodo

    Un cucchiaino di questa erba in forma essiccata viene aggiunto a mezzo litro di acqua bollente, dopo di che l'agente viene infuso per mezz'ora. Questo rimedio è usato per tutto il giorno come il solito tè, ogni giorno è necessario preparare un nuovo lotto.

    L'effetto di tale strumento non immediatamente, ma solo con l'uso costante per diversi anni durante l'esacerbazione della febbre da fieno: dopo di ciò, si può contare sullo sviluppo nel corpo della resistenza a molti allergeni di origine vegetale.

    Decotto alle erbe

    Mescolato in due parti di viola tricolore, farfara e camomilla e una parte di trifoglio e foglie di piantaggine. Un cucchiaio di tale raccolta viene preparato in un bicchiere di acqua bollente, dopo di che l'agente viene fatto bollire a bagnomaria per quindici minuti e infuso per mezz'ora.

    Prendere un decotto dopo ogni pasto dopo mezz'ora per due cucchiai, è consigliabile iniziare il ciclo di trattamento un paio di settimane prima che inizi la fioritura delle piante, e la durata della ricezione dovrebbe essere di almeno un mese.

    Shilajit.

    Un grammo di questo prodotto è mescolato in un litro di acqua bollita raffreddata. È necessario bere l'intero volume in una volta sola, quindi bere il prodotto con un bicchiere di latte caldo. Il trattamento continua per un mese.

    Prima di iniziare il trattamento con i rimedi popolari, è necessario coordinare questo con il medico curante, poiché con la terapia farmacologica parallela alcuni componenti delle ricette tradizionali potrebbero essere incompatibili con i farmaci.

    omeopatia

    L'omeopatia è il modo più delicato e delicato per trattare la pollinosi, ma da qui deriva il suo principale svantaggio: questo metodo non è sempre efficace.

    Tra i farmaci omeopatici antiallergici i più popolari sono:

    • Rhinital;
    • Influcid;
    • Lyuffel;
    • Bronhaliskhel;
    • Euphorbium compositum.

    La composizione di questi strumenti in diverse concentrazioni e combinazioni include gli ingredienti omeopatici Nux vomica, Apis, Ephrasia, Arsenicum Jodatum, Sambucus e altri.

    L'omeopatia è principalmente finalizzata ad alleviare i sintomi della febbre da fieno, quindi non può essere utilizzato come metodo di trattamento principale.

    Come alleviare lo stato durante l'esacerbazione della pollinosi?

    Dato che gli allergeni possono intrappolare una persona non solo per strada, ma nella propria casa o appartamento, prima di tutto è necessario prendersi cura della pulizia dell'aria nella stanza.

    I soggetti allergici sono invitati ad acquistare depuratori d'aria. Questi dispositivi possono anche avere un effetto idratante.

    Il principio di funzionamento dei dispositivi si basa sull'aspirazione di aria, da cui vengono filtrati gli allergeni e le particelle di polvere che si depositano su piastre speciali all'interno dell'aspirapolvere.

    Di conseguenza, l'aria purificata esce dall'apparecchio. Inoltre, vale la pena comprare un ozonizzatore d'aria, che purifica l'aria nei locali, modificandone la composizione e saturandola con l'ozono.

    Grotte di sale

    Le grotte saline sono stanze create artificialmente con rivestimento naturale di salgemma e l'aria è costantemente satura di nebbia salina.

    Tale aria ionizzata con un alto contenuto di sodio, magnesio e sali di potassio, non contiene microrganismi e visite regolari alle grotte di sale, a condizione che rimangano lì per un certo periodo, aiuti ad alleviare i sintomi infiammatori e stabilizzare il sistema immunitario, riducendo al minimo il rischio di esacerbare le reazioni allergiche.

    Gli studi hanno dimostrato che le cavità saline non solo eliminano i sintomi, ma aiutano a combattere i disturbi nel corpo, a causa dei quali si verificano esacerbazioni delle reazioni allergiche.

    Cosa trattare durante la gravidanza?

    In gravidanza, il trattamento del raffreddore da fieno deve essere affrontato con cautela, poiché molti farmaci possono influire negativamente sulle condizioni del feto.

    Il metodo più sicuro è considerato inalazione usando un nebulizzatore: per questo viene preparata una soluzione acquosa contenente sale (un grammo di sale viene aggiunto per cento grammi di acqua).

    È meglio evitare i farmaci orali, si consiglia di usare solo gocce e spray, ed è necessario escludere antispastici e antistaminici di prima generazione, anche se alcuni di essi possono ancora essere utilizzati in determinate condizioni:

    1. Suprastin. È controindicato nel primo trimestre e può essere prescritto dal secondo trimestre al controllo completo del corso del trattamento da parte del medico curante.
    2. Tavegil. Nominato in casi eccezionali quando altri mezzi sono impotenti, e il rischio di deterioramento della salute della futura mamma supera la probabilità di conseguenze negative per il feto.
    3. Azelastine. È nominato dal secondo trimestre e ha un numero limitato di controindicazioni.
    4. Claritin. Accettato solo sotto la supervisione di uno specialista.

    I preparati della terza generazione (Telfax, Cetirizine, Zyrtec) possono essere assunti senza restrizioni, poiché non attraversano la placenta e non possono danneggiare il feto.

    È possibile recuperare completamente?

    Oggi, gli esperti riconoscono che il metodo migliore che consente di curare veramente la pollinosi, e non solo mascherare i sintomi, è ASIT.

    Certo, non sempre dà il risultato desiderato, ma in otto casi su dieci i pazienti si liberano definitivamente della pollinosi.

    Qualsiasi metodo di trattamento deve essere sempre coordinato con il medico: in alcuni casi è sufficiente un corso di trattamento farmacologico. Ma se i farmaci sono prescritti in modo errato - nella migliore delle ipotesi, nessun effetto seguirà, e nel peggiore dei casi le manifestazioni di allergia non potranno che aumentare.

    Video correlati

    Guarda un colloquio con un allergologo su come trattare un terribile raffreddore da fieno e rimuovere i sintomi sgradevoli della malattia:

    Pollinosi (allergia ai pollini). Cause, sintomi, metodi di rilevazione degli allergeni, trattamento e prevenzione

    Domande frequenti

    Il sito fornisce informazioni di base. Diagnosi e trattamento adeguati della malattia sono possibili sotto la supervisione di un medico coscienzioso. Qualsiasi farmaco ha controindicazioni. Consultazione richiesta

    Cause di pollinosi

    Ci sono centinaia di migliaia di piante produttrici di polline. Tuttavia, dopo numerosi studi è emerso che circa 50 di essi possono causare reazioni allergiche.

    Il polline delle piante è di dimensioni molto ridotte ed è quindi facilmente in grado di penetrare e di invadere le mucose degli occhi e del tratto respiratorio superiore. Inoltre, una delle piante di piccole dimensioni al giorno è in grado di secernere un'enorme quantità di grani di polline.

    Le persone non sono ugualmente sensibili al polline di varie piante. Quindi uno è abbastanza parecchie piccole particelle di polline, per esempio, betulla, e hanno subito una reazione allergica. Mentre altri sono completamente insensibili al polline di una betulla.

    La base della malattia è l'ipersensibilità al polline. Nella mucosa del naso, degli occhi, della gola, della laringe, ci sono recettori speciali. Così come le cellule immunitarie (macrofagi, neutrofili) contenenti un gran numero di sostanze biologicamente attive (istamina, bradichinina). Quando il polline entra in contatto con i recettori della mucosa, quest'ultimo attiva i macrofagi e questi, a loro volta, rilasciano l'istamina nello spazio circostante. L'istamina ha la capacità di aumentare la permeabilità dei capillari sanguigni, li espande. Di conseguenza, molta acqua scorre dal sangue nei tessuti periferici e viene secreta una grande quantità di muco. Altre sostanze attive che sostengono e aggravano le reazioni allergiche penetrano con l'acqua del sangue. Tutto ciò crea condizioni per il verificarsi di gonfiore delle mucose, congestione nasale, starnuti, lacrimazione e altre manifestazioni di una reazione allergica.

    I fattori causali, come già accennato sopra, sono il polline di varie piante, se alberi, arbusti, fiori e altre erbe infestanti. Esiste un modello tra le stagioni e il tempo di maturazione del polline da diverse piante. Quindi ci sono tre valori di picco per la frequenza di insorgenza di pollinosi

    1. Il primo periodo di punta cade sull'intervallo di tempo tra mesi come aprile e maggio. Durante questo periodo prevale la prevalenza di pollinosi dal polline delle piante legnose: quercia, frassino, betulla, noce, pioppo, acero.
    Grafico che mostra la maggiore sensibilità al polline di vari alberi, a seconda delle stagioni.

    1. Il secondo periodo dell'aumento dei fenomeni allergici si verifica in estate. Da giugno ad agosto, le piante di cereali iniziano a fiorire. Questi includono erbe come: erba di grano, segale, bluegrass, mais, fuoco e molti altri. A giugno, la quantità di lanugine di pioppo nell'aria aumenta, quindi le reazioni allergiche che sono apparse in questo momento, molte volte la associano a lanugine e non polline. La lanugine di pioppo, a differenza del polline delle piante, non causa un quadro clinico pronunciato di pollinosi.
    1. Il terzo periodo di aumento della presenza di pollinosi si verifica in autunno. Durante questo periodo, nell'aria prevale una maggiore concentrazione di polline di diverse infestanti. Si ritiene che il polline di piante come: ambrosia, dente di leone, canapa, quinoa e altri, abbia la massima attività allergenica.

    Sintomi di pollinosi

    Associata principalmente a lesioni del tratto respiratorio superiore e della mucosa degli occhi. I sintomi clinici iniziano a manifestarsi dall'infanzia, da circa 5-6 anni, quando il bambino sta appena iniziando a frequentare la scuola.

    Il più comune nei sintomi clinici è la sindrome del rinocongiuntivale. Questa sindrome combina i segni di reazioni allergiche, sia dalla mucosa degli occhi, sia dalla mucosa del naso e del tratto respiratorio superiore.

    La malattia inizia con una lesione della mucosa degli occhi. Segni di congiuntivite appaiono:

    • Prurito, bruciore dall'interno degli occhi
    • Sembra che il paziente abbia una sorta di corpo estraneo negli occhi
    • Dopo un po ', lacrimazione, fotofobia
    Quando si esamina l'occhio, si può facilmente vedere un arrossamento pronunciato della congiuntiva e gonfiore delle palpebre. A differenza di altre malattie degli occhi infiammatori, entrambi gli occhi sono solitamente influenzati dalla pollinosi allo stesso tempo.
    In parallelo con la congiuntivite, il paziente mostra segni di rinite (infiammazione della mucosa nasale). La rinite è caratterizzata da:
    • Prurito sensibile nel naso e passaggio della cavità nasale nella cavità faringea (rinofaringe).
    • La caratteristica è la presenza di frequenti attacchi di starnuti. In alcuni casi, il numero di starnuti raggiunge fino a 10-20 volte di seguito.
    • Lo starnuto è accompagnato da abbondanti secrezioni di muco dal naso (rinorrea).
    • Dolore nei seni paranasali (mascellare - sui lati, frontale - sulla parte superiore del naso).

    Oltre alla violazione delle funzioni respiratorie del naso, i pazienti avvertono dolore nella regione parotidea, una fessura nelle orecchie quando masticano il cibo. I sintomi dell'orecchio sono spesso accompagnati da nausea e talvolta vomito. Questi sintomi sono dovuti al fatto che la cavità nasale è strettamente correlata all'orecchio orale e medio, e quindi il processo patologico di uno di essi interesserà altre aree limitrofe.

    Quando il polline scompare dall'aria circostante (durante la pioggia, in inverno), tutti i suddetti sintomi diminuiscono o scompaiono del tutto.

    Le manifestazioni della malattia dipendono dal grado di sensibilità individuale di ciascuna persona. Ad esempio, in un polline provoca congiuntivite ordinaria (infiammazione della mucosa degli occhi) con la comparsa di sintomi come lacrimazione, fotofobia e altri sintomi caratteristici. In altri casi, la pollinosi può manifestarsi come edema generalizzato del tratto respiratorio superiore (mucosa nasale, laringe, trachea), con l'inizio di uno stato soffocante (perdita di coscienza, svenimento, brusco calo della pressione arteriosa).

    La gravità dei sintomi e il decorso della malattia dipendono in larga misura dalla quantità di polline inalato. Quanto maggiore è il polline nel tratto respiratorio e nella mucosa degli occhi, tanto più pronunciati saranno i sintomi della malattia.

    La connessione tra l'incidenza di pollinosi e altre malattie di origine allergica è ovvia. Si nota che tra i pazienti con asma bronchiale nel 40% dei casi viene rilevata una malattia combinata, la pollinosi. Di quelli che soffrono di pollinosi, ci sono persone con allergie ad alcuni cibi, alla polvere domestica, alle medicine.

    Diagnosi di pollinosi

    La diagnosi di questa malattia non presenta grandi difficoltà, dal momento che la connessione tra la comparsa di sintomi allergici e il contatto con particelle di polline è ovvia. L'importanza sta nel fatto che è necessario stabilire una connessione esatta, chiedere al paziente in dettaglio la storia della malattia, cosa ha preceduto l'apparizione dei primi sintomi e come si sono manifestati.

    L'esame allergologico dei pazienti è obbligatorio nel programma, per determinare quale tipo di allergene ha causato questa reazione. L'esame allergologico è che il paziente viene applicato alla pelle, o sotto la pelle (graffio, iniezione), un allergene noto in una dose molto piccola e dopo un po 'fare una valutazione delle manifestazioni locali. Se una persona ha una reazione aumentata sotto forma di arrossamento locale della pelle, edema o prurito, significa che è un paziente di pollinosi o che ha semplicemente una maggiore sensibilità a questa sostanza. Tutto dipende dalle dimensioni dei cambiamenti allergici locali, nonché in combinazione con i sintomi e altri test di laboratorio.

    Diagnosi di laboratorio

    Per la diagnosi di laboratorio, il paziente deve prendere il sangue per la ricerca. La presenza di una maggiore quantità di eosinofili (uno degli elementi del sangue) suggerisce che l'organismo sia predisposto alle allergie. Il tasso di eosinofili nel sangue è compreso tra 1 e 5% del numero totale di cellule del sangue.

    La diagnosi immunologica non è altro che l'analisi del sangue per il contenuto di specifiche proteine ​​(immunoglobuline di classe E), che appaiono in gran numero durante lo sviluppo di reazioni allergiche nel corpo.
    Quindi, per fare correttamente una diagnosi, un medico deve prima studiare in dettaglio la storia della malattia, familiarizzare con i sintomi della malattia e gli esami di laboratorio.

    Trattamento contro la pollinosi

    Se una persona ha acquisito maggiore sensibilità agli allergeni dei pollini, allora è quasi impossibile ridurla. Sulla base di questo fatto, l'unico mezzo affidabile per prevenire e trattare la pollinosi rimane il minimo contatto possibile con il polline delle piante. Il trattamento della pollinosi è l'unica cosa che aiuta il paziente a liberarsi del naso che cola senza fine, lacrimazione e altri sintomi. Solo il trattamento e le misure preventive in corso contribuiranno a eliminare i sintomi fastidiosi.

    I bambini di età inferiore ai 18 anni sono solitamente supervisionati da due specialisti: un medico generico e un pediatra.

    Quando le crisi e le violazioni significative della condizione generale dei pazienti prescrivono una terapia intensiva mirata a rimuovere l'edema delle mucose degli occhi, la cavità nasale, per ridurre la secrezione di muco, migliorando la funzione respiratoria.

    • Antistaminici: sono farmaci che distruggono direttamente la catena patologica, portando alla comparsa dei sintomi della malattia. In condizioni acute, vengono somministrati per via endovenosa e intramuscolare. Con un miglioramento del benessere generale, si spostano verso la via di somministrazione enterica (attraverso la bocca). Per i farmaci antistaminici sono inclusi suprastin, diazolin, tavegil, loratadina e molti altri. La dose e le modalità di somministrazione prescritte dal medico curante.
    • Gli agenti vasocostrittori, come naftilazina, ossimetazolina, galazolina, sono anche ampiamente usati nell'uso come medicinali diretti contro l'pollinosi. Gli agenti vasocostrittori topici appartengono al gruppo di sostanze che agiscono sugli adrenorecettori, localizzati in una moltitudine di mucose nasali. L'eccitazione degli adrenorecettori porta a un restringimento dei vasi sanguigni periferici, allevia il gonfiore, riduce i sintomi di allergie, congestione nasale e facilita la respirazione. Di solito vengono utilizzati sotto forma di gocce nel naso più volte al giorno.
    Con i sintomi della congiuntivite, una soluzione di albucida viene instillata negli occhi, al fine di evitare un'infezione secondaria e lo sviluppo di un processo purulento.

    Durante la remissione, cioè, quando i principali sintomi della malattia regrediscono, prescrivono un tipo di trattamento come desensibilizzazione specifica. Questo termine si riferisce alla graduale abitudine del corpo a piccole dosi di allergeni. Al paziente viene prescritta la somministrazione giornaliera di piccole dosi di allergeni purificati di polline che non causano una reazione patologica violenta nel corpo. Ma, allo stesso tempo, si sviluppa resistenza a determinati tipi di sostanze allergeniche e il paziente si sente completamente sano. La desensibilizzazione viene effettuata da corsi da diverse settimane a diversi mesi, fino a quando si ottiene un effetto positivo stabile.

    Prevenzione della pollinosi

    Le misure preventive sono forse gli unici mezzi semplici e allo stesso tempo affidabili per evitare reazioni allergiche e le loro complicanze. Obiettivi specifici per prevenire l'insorgere non solo di pollinosi, ma anche di altre malattie allergiche è evitare il contatto con gli allergeni, prevenire l'ingresso di pollini e altre piccole particelle di polvere nelle cavità nasali e orali.

    Le misure preventive, a loro volta, sono suddivise in primarie, che devono essere eseguite per le persone soggette a varie malattie allergiche, nonché a categorie di persone in gruppi a rischio. Sono giardinieri, apicoltori, lavoratori agricoli e persone di altre professioni la cui attività è connessa con piante e fiori.

    Le misure preventive primarie includono:

    • Prima di tutto, per proteggere il contatto primario di una donna incinta con allergeni di polline, per eliminare i rischi professionali, nonché per osservare il regime di lavoro e di riposo e mangiare cibi sani.
    • Per i bambini piccoli e i bambini più grandi, è necessario un monitoraggio preventivo periodico per identificare le malattie respiratorie acute, il cui decorso cronico porta spesso ad un aumento della sensibilità del corpo agli allergeni.
    • Riduzione del contatto con sostanze di natura allergenica (prodotti chimici, gas di scarico, allergeni domestici).

    Le misure preventive secondarie nella loro essenza contengono anche azioni volte a prevenire il verificarsi di reazioni allergiche. Ma a differenza della prevenzione primaria, in questo caso stiamo parlando di pazienti con pollinosi che sono stati ammalati da più di un anno e in pratica dovrebbero conoscere e attuare misure più severe per prevenire il contatto con allergeni di origine vegetale.

    Le raccomandazioni per le persone con pollinosi e altre malattie allergiche dovrebbero essere costantemente applicate indipendentemente da dove si trovi, al lavoro a casa o in vacanza. Le seguenti condizioni devono essere soddisfatte:

    A casa e sul posto di lavoro in ufficio

    • Aerazione dei locali e pulizia con acqua almeno una volta al giorno.
    • Libri, biancheria da letto, in particolare cuscini e piumini di piume sono tenuti e sono in condizioni adeguate, in cui il rischio di diffusione di particelle di polvere è minimo. Ad esempio, biancheria da letto con rivestimento resistente e libri in un armadietto con serratura.
    • Tappeti minimi e ammasso di mobili. I locali dovrebbero essere spaziosi, facili da ventilare e pulire.
    • L'uso di deodoranti sintetici, profumi e altre sostanze odorose è limitato.
    • Non avviare gli animali domestici in casa, appartamento, perché la lana ha una forte proprietà allergenica.
    • In offseason aumenta il rischio di muffe sulle pareti e sul soffitto (proprietà allergeniche). Da questo si dovrebbe concludere che la lotta contro la muffa gioca un ruolo significativo nel prevenire il verificarsi di reazioni allergiche.

    Quale dieta dovrebbe essere seguita con la pollinosi?

    Prima di prescrivere una dieta ottimale per l'pollinosi, è necessario stabilire il tipo di allergia ai pollini.

    Ci sono i seguenti tipi di pollinosi:

    • allergia ai pollini degli alberi;
    • allergia ai pollini d'erba;
    • allergico al polline delle infestanti
    Allergia ai pollini degli alberi
    Questo tipo di pollinosi è più comune nel periodo primaverile, a fine aprile - inizio maggio. Betulla, quercia, acero, pioppo e ontano sono tra i rappresentanti di alberi il cui polline è il più delle volte causa reazioni allergiche.

    Se si è allergici al polline degli alberi, si raccomanda che il paziente escluda dalla dieta alimenti quali:

    • linfa di betulla;
    • albicocche, pesche;
    • prugne;
    • nocciole;
    • ciliegia, ciliegia dolce;
    • noci (per esempio, mandorle, nocciole);
    • carote;
    • mele, pere;
    • cetrioli, pomodori;
    • verdure e spezie (es. curry, cumino).
    Allergia ai pollini d'erba
    Questo tipo di pollinosi si osserva di solito in tarda primavera - inizio estate (da fine maggio a inizio luglio). In questo caso le graminacee come il grano, l'orzo, la segale, l'erba di grano, l'avena, l'erba di coda di topo, l'erba di piume possono provocare pollinosi.

    Se si è allergici al polline dell'erba, il paziente deve astenersi dall'assumere:

    • prodotti a base di cereali (ad esempio palle di riso, fiocchi d'avena);
    • prodotti da forno;
    • la pasta;
    • kvass;
    • bevande alcoliche;
    • fagioli;
    • soia;
    • arachidi;
    • mais;
    • acetosa;
    • agrumi (ad esempio, arancia, mandarino);
    • fragole, fragole;
    • rimedi a base di erbe, tra cui le erbe di cereali.
    Allergia ai pollini
    Di solito questo tipo di pollinosi si verifica nel periodo di fine luglio - inizio settembre. Le erbacce rappresentative, che causano più spesso reazioni allergiche, sono l'ambrosia, la quinoa, l'assenzio.

    In caso di allergia al polline delle infestanti, si consiglia al paziente di escludere dalla dieta alimenti quali:

    • miele;
    • semi di girasole;
    • olio di girasole;
    • agrumi (ad esempio arance, mandarini, limoni);
    • meloni e zucche (ad es. cocomeri, meloni);
    • verdi (ad esempio prezzemolo, aneto, sedano);
    • spezie (ad esempio anice, cumino, cicoria);
    • Phytopreparations da un dente di leone, un assenzio, camomiles, un calendula, un achillea.
    È inoltre necessario escludere dalla dieta alimenti di origine vegetale (ad esempio, miele, halva, olio di semi di girasole). Uno qualsiasi dei prodotti sopra può aggravare il corso di questa malattia.

    La maggior parte delle persone con pollinosi ha anche una cosiddetta "allergia crociata", le cui manifestazioni provocano determinati cibi. Sulla base di questo, sarebbe consigliabile seguire una dieta ipoallergenica, in cui il paziente deve astenersi dal mangiare, causando più spesso allergie.

    Tra gli alimenti che più spesso causano reazioni allergiche, si distinguono:

    • latticini (ad esempio latte intero vaccino, formaggio, uova di gallina);
    • noci;
    • funghi;
    • miele;
    • bacche rosse (ad esempio, fragole, lamponi);
    • agrumi (ad esempio mandarini, arance);
    • verdure rosse (ad esempio pomodori, barbabietole, carote);
    • cioccolato;
    • di cacao;
    • frutta esotica (per esempio, ananas, mango);
    • frutti di mare;
    • carne affumicata;
    • prodotti in scatola e in salamoia.
    Quando si raccomanda pollinosi di mangiare cibi con bassi livelli di allergeni, come:
    • latticini (ad esempio, yogurt naturale, kefir, fiocchi di latte);
    • carne in umido o bollita di varietà a basso contenuto di grassi;
    • frutta secca

    Qual è la pollinosi pericolosa durante la gravidanza?

    Durante la gravidanza nel corpo femminile c'è una diminuzione fisiologica dell'immunità. Questo è necessario in modo che il sistema immunitario della donna incinta non rigetti l'organismo alieno, cioè il feto. Qualsiasi processo patologico (in questo caso, pollinosi) in questa condizione può portare a gravi complicazioni. Quindi, una normale allergia al polline, che di solito si manifesta con un semplice naso che cola stagionale, può essere batterica in gravidanza. Spesso, sullo sfondo del raffreddore da fieno, le donne incinte soffrono di malattie infiammatorie come otite (infiammazione dell'orecchio) o sinusite (infiammazione del seno mascellare).

    Anche durante la gravidanza, a causa di una reazione allergica al polline, una donna può presentare complicazioni come:

    • tracheite (infiammazione della trachea);
    • gonfiore delle corde vocali;
    • dermatite da contatto atopica;
    • emicrania ricorrente;
    • Sindrome di Meniere, in cui la quantità di endolinfa (un fluido speciale) aumenta nella cavità dell'orecchio interno;
    • convulsioni convulsive;
    • infiammazione allergica della pia mater.
    Molto meno spesso in una donna incinta, l'pollinosi può causare gravi malattie allergiche. Ciò è dovuto al fatto che durante la lotta contro gli allergeni, il sistema immunitario del corpo, a volte, distrugge le proprie cellule.

    A questo proposito, una donna incinta può sperimentare tali complicazioni come:

    • asma bronchiale;
    • cistite allergica (infiammazione della vescica);
    • colpitis allergico (infiammazione della mucosa della vagina);
    • miocardite allergica (infiammazione dello strato muscolare del cuore);
    • vulvite allergica (infiammazione degli organi genitali femminili esterni);
    • gastrite allergica (infiammazione della mucosa gastrica);
    • epatite allergica (infiammazione del fegato).
    Va notato che la manifestazione della febbre da fieno durante la gravidanza può influire negativamente sul nascituro. Spesso, dopo la nascita, questi bambini hanno varie malattie allergiche.

    Per evitare complicazioni durante la gravidanza con la pollinosi esistente, devono essere seguite le seguenti raccomandazioni:

    • Massima proteggersi dal contatto con le piante.
    • Usa sempre gli occhiali da sole nelle giornate limpide.
    • Indossare una maschera medica con tempo asciutto e ventoso.
    • Scuotere gli abiti da strada prima di entrare in casa.
    • Tornando a casa, dovresti cambiare i vestiti.
    • Pulizia giornaliera a casa.
    • Per aumentare l'umidità, puoi stendere un panno immerso nell'acqua.
    • Rispettare rigorosamente una dieta ipoallergenica. Per escludere dalla dieta alimenti come carote, noci, frutta a nocciolo (ad esempio, pesche, albicocche, mele, ciliegie), prodotti a base di cereali (ad esempio, mais, pane, cereali vari), meloni e zucche (ad esempio zucchine, meloni, melanzane), semi di girasole e olio di girasole, agrumi (ad esempio, mandarini, arance), miele, condimenti vegetali.
    • Rifiuta i farmaci fitoterapici.
    • Evitare il contatto con gli allergeni domestici, come polvere, peli di animali, cuscini di piume, fumo di sigaretta, forti odori di deodoranti e profumi.
    • Di tanto in tanto, risciacquare i passaggi nasali con acqua di mare o soluzione salina.
    • Evita situazioni stressanti.
    • Tempo di trattare le malattie respiratorie.
    • Trattare la pollinosi rigorosamente sotto la supervisione di un medico.

    Se c'è pollinosi, una donna deve prima fare un esame del sangue (viene rilevata un'immunoglobulina E) per confermare la diagnosi. Va notato che l'esecuzione di test cutanei allergici durante la gravidanza è severamente sconsigliata.

    Alle donne incinte vengono solitamente prescritti antistaminici di terza generazione, in quanto sono più efficaci e, in misura minore, hanno un effetto negativo sul corpo.

    Durante la gravidanza, durante la gravidanza, alle donne possono essere prescritti antistaminici sotto forma di compresse (ad esempio, Telfast, Claritin), spray (ad esempio, Cromohexal) o polveri (ad esempio, Nazaval).

    Come trattare la pollinosi nei bambini?

    Il trattamento della pollinosi nei bambini comprende tre fasi:

    • trattamento acuto;
    • terapia anti-recidiva;
    • immunoterapia specifica per allergeni.
    Trattamento acuto
    Prima di tutto, è necessario proteggere il bambino dal contatto con l'allergene. Si raccomanda di stare più spesso in una stanza in cui la concentrazione di polline è significativamente ridotta. Le case dovrebbero chiudere le finestre, appendere il tessuto immerso nell'acqua o accendere il condizionatore d'aria. Per il sollievo dei sintomi (ad esempio, rinite allergica, angioedema (angioedema) o orticaria, vengono usati antistaminici e agenti vasocostrittori.